NEWS

H&M, multa da 35 milioni di euro per violazione privacy dei dipendenti

L'accusa è di aver spiato centinaia dei propri dipendenti nella filiale tedesca di Norimberga. Ora, il colosso svedese della moda Hennes e Mauritz (H&M) è obbligato a pagare una multa di 35,3 milioni di euro per la violazione sulla legge sulla privacy. A stabilirlo il garante della protezione dei dati ad Amburgo. La cifra eccezionale è un monito: «L’importo della multa inflitta è adeguato e adatto a dissuadere le aziende dal violare la privacy dei loro dipendenti», ha spiegato il commissario per la protezione dei dati di Amburgo, Johannes Caspar.

H&M spiava i dipendenti: multa da 35 milioni di euro

Archiviate informazioni private su famiglia, salute e religione - Il caso era noto già dall’anno scorso. Secondo le autorità tedesche H&M aveva raccolto informazioni sulla vita privata dei dipendenti, registrandole e conservandole, almeno nel caso di alcune persone, fin dal 2014. Ad archiviare dettagli innocui ma anche problematiche famigliari , di salute e credenze religiose erano stati alcuni direttori della filiale di Norimberga. I superiori avevano potuto carpire «un’ampia conoscenza della vita privata dei loro dipendenti attraverso discussioni individuali e di gruppo», come riportano molti media tedeschi.

H&M chiuderà 250 negozi nel 2021 - L’annuncio della maxi-multa arriva poco dopo l’annuncio del gruppo svedese di voler ridurre il numero del 5% e sue filiali (circa 250 unità negozi) nel prossimo anno. Intanto, secondo la società, 166 delle circa 5 mila filiali sono ancora chiuse, tra lockdown e restrizioni di orari nei tanti paesi del mondo in cui è presente. L’annuncio è arrivato nel comunicato col quale H&M ha reso noti i conti del terzo trimestre, chiuso con un utile pre-tasse di 2,3 miliardi di corone svedesi. Ora le cose vanno meglio, perché le vendite hanno recuperato con ricavi scesi soltanto del 5% in settembre, che è il primo mese del quarto trimestre di H&M. Ma a quanto pare non basta per salvare i 250 negozi avviati alla chiusura.

Fonte: Il Corriere della Sera

Note Autore

Federprivacy Federprivacy

Federprivacy è la principale associazione di riferimento in Italia dei professionisti della privacy e della protezione dei dati personali, iscritta presso il Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della Legge 4/2013. Email: urp@federprivacy.org 

Prev L’Irlanda vieta a Facebook di inviare i dati personali dei suoi utenti irlandesi negli Usa
Next La Corte di Giustizia dell'Unione Europea boccia la raccolta indiscriminata dati personali

Canale 50, Federprivacy al CNR con il Prof.Alessandro Acquisti

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
Ho letto l'Informativa Privacy