NEWS

La Corte di Giustizia dell'Unione Europea boccia la raccolta indiscriminata dati personali

La Corte di giustizia europea ha bocciato oggi le normative nazionali che impongono la raccolta e la conservazione indiscriminata dei dati personali da parte delle società di telecomunicazioni e di quelle tecnologiche operanti in questo campo, confermando che il diritto dell'Unione si oppone a questo tipo di disposizioni salvo quando siano giustificate da una "grave minaccia" alla sicurezza nazionale.

Corte di Giustizia dell'Unione Eeruopea

I giudici europei hanno emesso oggi due sentenze (Causa C-623/17 e Causa C-623/17) che riguardano casi di applicazione della direttiva Ue sulla privacy (in particolare per quanto riguarda le cosiddette comunicazioni elettroniche) sollevati dalle autorità del Regno Unito, della Francia e del Belgio.

La Corte ha quindi stabilito innanzi tutto che norme nazionali che introducano "la conservazione generalizzata e indifferenziata dei dati relativi al traffico e alla localizzazione delle persone" sono in contrasto con quanto stabilito dalla direttiva europea. Limitazioni al diritto alla privacy degli utenti possono essere introdotte in deroga alla direttiva, secondo i giudici, solo in presenza di "gravi minacce" alla sicurezza e per un periodo di tempo limitato "allo stretto necessario".

Ma estendibile in caso del persistere della minaccia. Questa fattispecie può essere applicata anche nel caso di gravi reati criminali e per la prevenzione di gravi minacce alla sicurezza pubblica. Tuttavia, sottolinea la Corte, una "ingerenza di tale portata nei diritti fondamentali dei cittadini deve essere accompagna dalle necessarie garanzie ed essere soggetta al controllo di un giudice o di un'autorità amministrativa indipendente"

Fonte: Ansa

Note Autore

Federprivacy Federprivacy

Federprivacy è la principale associazione di riferimento in Italia dei professionisti della privacy e della protezione dei dati personali, iscritta presso il Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della Legge 4/2013. Email: urp@federprivacy.org 

Prev H&M, multa da 35 milioni di euro per violazione privacy dei dipendenti
Next Analisi del sangue su fogli Excel, dati sanitari di milioni di pazienti trovati online senza nessuna protezione

Presentazione libro Privacy, protezione e trattamento dei dati personali

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
Ho letto l'Informativa Privacy