NEWS

Irlanda: l'autorità per la protezione dei dati accusata da Max Schrems di fare lobby per Facebook

Il Garante Privacy irlandese nel mirino di Maximiliam Schrems, l’avvocato ormai a tutti noto per le sue battaglie civili in materia di protezione dei dati personali, che guida il Centro europeo per i diritti digitali (None of Your Business – NOYB). Secondo le recenti accuse dell’attivista austriaco, la Data Protection Commission (DPC) irlandese ha tentato in maniera impropria di convincere gli altri garanti europei a schierarsi dalla parte di Facebook per bypassare l’obbligo di richiesta del consenso informato per la raccolta di dati pubblicitari degli utenti online.

Maximiliam Schrems

(Nella foto: l'attivista Maximiliam Schrems, avvocato noto per le sue battaglie civili in materia di protezione dei dati personali)

L’accusa di Schrems - Schrems ha pubblicato in questi giorni documenti ricevuti in base alle norme sulla libertà di informazione. Ebbene, secondo l’accusa il Garante irlandese avrebbe voluto permettere ai social network di monitorare gli utenti e indirizzare pubblicità mirata per contratto e non previo consenso informato.

Il Garante irlandese, responsabile di controllare e regolare diversi giganti tecnologici americani sottoposti al GDPR, ha dichiarato all’Irish Times che i documenti rilasciati da Schrems sono autentici ma che non contengono assolutamente “nulla di inusuale”.

Tentativo di bypassare il GDPR - Per Max Schrems è vero esattamente l’opposto, ovvero che i documenti indicano il tentativo del Data Protection Commission di influenzare le linee guida sulla privacy dell’UE e spingere altri regolatori a sostenere la politica di raccolta dei dati utilizzata da Facebook.
“I documenti mostrano un piano chiaro. In primo luogo il regolatore irlandese ha concordato con Facebook di bypassare il GDPR. Quindi cerca di infilare questo bypassaggio nelle linee guida europee”, ha detto Schrems.

“Il Data Protection Commission chiaramente non agisce nell’interesse della protezione dei dati, ma nell’interesse delle multinazionali statunitensi. Di solito sono i lobbisti di Facebook che cercano di influenzare le linee guida nell’interesse del loro settore industriale, qui il regolatore si è trasformato in un lobbista”, ha aggiunto Schrems.

Ma il Data Protection Commission non è riuscito a convincere altri regolatori europei, e alcuni citati nei documenti hanno di fatto confermato alle critiche di Schrems. Un regolatore ha affermato che l’interpretazione del DPC “mina il sistema e lo spirito del GDPR”, mentre un altro ha detto che è “contraria a tutto ciò in cui crediamo”.
“È possibile fornire account di social media senza tracciamento e profilazione? Sì, in effetti lo è”, si cita un terzo, accusando l’autorità di controllo irlandese di ridurre “il GDPR a uno strumento pro forma”.

Modello ‘one stop shop’ - Con il meccanismo dello “sportello unico” (one-stop-shop) del GDPR, i giganti della tecnologia come Facebook e Google sono attualmente in grado di gestire gran parte delle loro responsabilità GDPR in un solo paese dell’UE, in particolare l’Irlanda. Ciò significa che molte indagini sulla protezione dei dati spettano alle autorità di regolamentazione nei paesi in cui le società Big Tech hanno sedi europee, inclusa l’Irlanda.

Ma il ruolo del Data Protection Commission irlandese nella sorveglianza di Big Tech e nella sua applicazione del GDPR è stato recentemente oggetto di esame nell’UE, con il vicepresidente della commissione Věra Jourová che ha avvertito la scorsa settimana che le regole sulla privacy del blocco potrebbero dover cambiare se l’applicazione non è efficace.

A ottobre, il Data Protection Commission ha proposto una multa da 28 a 36 milioni di euro per Facebook per non aver informato sufficientemente gli utenti su come vengono elaborati i loro dati, a seguito di una denuncia presentata da Schrems.

(Fonte: Key4Biz)

Note Autore

Federprivacy Federprivacy

Federprivacy è la principale associazione di riferimento in Italia dei professionisti della privacy e della protezione dei dati personali, iscritta presso il Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della Legge 4/2013. Email: urp@federprivacy.org 

Prev Belgio: il tribunale della Vallonia dichiara illegale il Green Pass per violazione della privacy
Next La Corea del Sud ora è considerata un paese sicuro per il trasferimento dei dati personali

App di incontri e rischi sulla privacy

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
Ho letto l'Informativa Privacy