NEWS

Belgio: il tribunale della Vallonia dichiara illegale il Green Pass per violazione della privacy

Il Tribunale di Namur, in Vallonia, dichiara illegale il Green Pass e riaccende lo scontro sul certificato vaccinale e le misure per contrastare la pandemia di Covid. I giudici della capitale della regione francofona del Belgio bocciano le misure anti-Coronavirus e intimano alle autorità locali di ritirare le disposizioni in vigore, pena una multa giornaliera da 5.000 euro per ogni giorno. E’ stata accolta l’istanza dei cittadini dell’associazione "Notre Bon Droit".

Tribunale del Belgio boccia il super Green pass: “Vìola diritti e privacy”

Vittoria dei no-vax sui pro-vaccinisti? La storia sembra ripetersi, ma non è tanto una questione legata al vaccino in sé. Il tribunale di Namur contesta le implicazioni per il rispetto della privacy nelle modalità di richiesta del Covid Safe Ticket (il nome dato al Green Pass in Belgio), necessario per andare al ristorante, bar e luoghi chiusi come palestre. Si ravvede anche il rischio di discriminazioni per chi non ne è provvisto.

In sostanza non appare rispettato il principio di proporzionalità. E’ questo il nodo della questione. La decisione finisce per rilanciare il dibattito su vaccini, certificati e quant’altro, ma c’è sullo sfondo la possibilità che il decreto regionale dietro l’introduzione di obbbligo di Green Pass possa essere stato scritto male. Una modifica del provvedimento potrebbe dirimere la questione legale, che comunque andrà avanti.

La regione Vallonia ha annunciato che farà ricorso, e che per questo motivo, essendoci un contenzioso in corso, il certificato Covid non scomparirà. Al contrario, l’obbligo di esibirlo resterà fino a sentenza definitiva. Intanto lo scontro si rinnova e si teme un effetto domino.

Una causa simile pende al tribunale di Bruxelles. L’associazione Charta21 ha chiesto la sospensione della lettura dei certificati Covid. Anche in questo caso si contesta la presunta violazione delle norme in materia di protezione dei dati personali e sensibili.

(Fonte: La Stampa)

Note Autore

Federprivacy Federprivacy

Federprivacy è la principale associazione di riferimento in Italia dei professionisti della privacy e della protezione dei dati personali, iscritta presso il Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della Legge 4/2013. Email: urp@federprivacy.org 

Prev UE: la presidenza del Consiglio raggiunge accordo con il Parlamento sulla governance dei dati
Next Irlanda: l'autorità per la protezione dei dati accusata da Max Schrems di fare lobby per Facebook

Umberto Rapetto: più tutelati con Gdpr ma non bisogna abbassare la guardia

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
Ho letto l'Informativa Privacy