NEWS

Diffamazione via email, la competenza si radica dove il messaggio viene scaricato

Nel caso di mail a contenuto diffamatorio, il reato si consuma con il "recapito" della missiva elettronica presso il computer del destinatario. È in quel momento, dunque, che si radica anche la competenza a giudicare. Lo ha chiarito la Corte di cassazione, con la sentenza n. 38144/2023, respingendo il ricorso di un uomo condannato dal Tribunale di Palermo a seguito dell'invio a centinaia di indirizzi di un messaggio di posta elettronica ritenuto offensivo dell'onore e della reputazione, che aveva lamentato l'incompetenza territoriale del capoluogo siciliano.

Diffamazione via e-mail, la competenza si radica dove il messaggio viene "scaricato"

Fonte: Il Sole 24 Ore - di Francesco Machina Grifeo

Note Autore

FederPrivacy FederPrivacy

Federprivacy è la principale associazione di riferimento in Italia dei professionisti della privacy e della protezione dei dati personali, iscritta presso il Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della Legge 4/2013. Email: [email protected] 

Prev Abbonamenti nel 730? il contribuente può decidere di opporsi al momento dell'acquisto
Next In cartella esattoriale la sanzione del Garante Privacy non pagata

Privacy Day Forum 2024, il trailer della giornata

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
Ho letto l'Informativa Privacy