NEWS

Garante Privacy UE, 'bene l'invalidazione del Privacy Shield da parte della Corte di Giustizia UE'

Sono parole di soddisfazione quelle espresse dal Garante europeo per la protezione dei dati (Edps) a seguito della sentenza nella causa C-311/18 del 16 luglio 2020 con la quale la Corte di Giustizia dell’Unione europea ha invalidato il "Privacy Shield": "La Corte Ue ha confermato le critiche allo scudo dei dati Ue-Usa che avevamo espresso più volte”, ha affermato il Garante UE Wojciech Wiewi¢rowski.

Wojciech Wiewiórowski, Garante Europeo per la protezione dei dati

(Nella foto: Wojciech Wiewiórowski, Garante Europeo per la protezione dei dati)

Alla luce della suddetta sentenza, l’Edps ha reso noto che adesso sta analizzando attentamente le sue conseguenze sui contratti conclusi da istituzioni, organi, uffici e agenzie Ue, come la recente indagine sull'utilizzo di Microsoft da parte delle istituzioni.

Secondo quando affermato nella nota diffusa dal Garante europeo la Corte di giustizia dell'Ue ha in particolare ribadito "l'importanza di mantenere un elevato livello di protezione dei dati personali trasferiti dall'Ue a Paesi terzi", chiarendo la responsabilità delle autorità di vigilanza europea per intervenire con misure cautelative nel caso di evidenti rischi.

L'Edps ha inoltre assicurato che "le autorità di controllo europee daranno il loro parere alla Commissione su eventuali future decisioni di adeguatezza, in linea con l'interpretazione del Gdpr fornita dalla Corte".

Note Autore

Federprivacy Federprivacy

Federprivacy è la principale associazione di riferimento in Italia dei professionisti della privacy e della protezione dei dati personali, iscritta presso il Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della Legge 4/2013. Email: urp@federprivacy.org 

Prev Sanzione da 600mila euro a Google per violazione del diritto all'oblio
Next Data Breach nel 2020: i numeri del fenomeno

Nicola Bernardi, presidente di Federprivacy, intervistati a Kudos su Rai 4

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
Ho letto l'informativa privacy