NEWS

Sanzione da 600mila euro a Google per violazione del diritto all'oblio

In Belgio l’Autorità per la protezione dei dati ha inflitto una sanzione da 600.000 euro a Google per mancato rispetto del "diritto all'oblio". Google aveva respinto la richiesta di un cittadino belga, che ha un ruolo di rilievo pubblico, il quale aveva chiesto di rimuovere i risultati di ricerca che lo riguardavano e ritenuti da lui obsoleti e dannosi dai risultati del motore di ricerca.

Multa da 600mila euro per Google in Belgio

Gli articoli di notizie che comparivano nei risultati collegati al nome dell’interessato, si riferivano a denunce infondate di molestie. Nella fattispecie, Google aveva sostenuto che il reclamo era infondato perché era stato proposto contro Google Belgio, mentre il titolare del trattamento non era la consociata belga di Google, ma Google LLC, che ha sede in California, negli Stati Uniti.

Ma l'autorità non ha accettato questa tesi. A suo avviso, le attività di Google Belgio e Google LLC sono indissolubilmente collegate e la controllata belga può quindi essere ritenuta responsabile. Ciò è fondamentale per garantire una protezione efficace e completa del GDPR in quanto non è facile per un'autorità nazionale in Europa controllata e sanzionare efficacemente una società con sede negli Stati Uniti.

Anche se il Garante belga ha ritenuto Google "negligente" nel decidere di non rimuovere i collegamenti procedendo con la sanzione, la Camera delle controversie ha invece seguito l'argomentazione di Google secondo cui il suo ufficio principale in Europa (Google Irlanda) non è responsabile della rimozione dai risultati della ricerca.

A seguito del procedimento sanzionatorio, un portavoce di Google ha affermato: "Non credevamo che questo caso soddisfacesse i criteri della Corte di Giustizia UE per l'eliminazione delle notizie giornalistiche pubblicate nei risultati di ricerca, ma ritenevamo fosse nell'interesse del pubblico che queste notizie rimanessero ricercabili".

Su quella che è di fatto la multa più alta mai imposta dal garante per la privacy del Belgio, Google sostiene fermamente di essersi adoperato strenuamente per "trovare un equilibrio ragionevole e di principio tra i diritti di accesso alle informazioni e la privacy delle persone", e per questo ha reso noto di avere intenzione di presentare ricorso in tribunale.

Fonte: Reuters

Note Autore

Federprivacy Federprivacy

Federprivacy è la principale associazione di riferimento in Italia dei professionisti della privacy e della protezione dei dati personali, iscritta presso il Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della Legge 4/2013. Email: urp@federprivacy.org 

Prev È un ragazzo di 17 anni l'hacker che è riuscito ad infiltrarsi nei sistemi informatici di Twitter
Next Garante Privacy UE, 'bene l'invalidazione del Privacy Shield da parte della Corte di Giustizia UE'

TV Nove Italia, Nicola Bernardi intervistato alla trasmissione 9X5

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
Ho letto l'informativa privacy