NEWS

App condividono con Facebook dati su ciclo mestruale e attività sessuali di milioni di donne

Privacy International, organizzazione non profit con sede nel Regno Unito, ha scoperto che alcune app utilizzate per monitorare il ciclo mestruale, nonché i sintomi correlati, gli sbalzi di umore, e anche informazioni relative ad attività sessuali e periodi di maggiore fertilità, inviano i dati sensibili di milioni di donne che le utilizzano direttamente a Facebook.

Tra le applicazioni "incriminate" di condividere tali informazioni con il social network di Mark Zuckerberg vi sono "Maya", di proprietà della Plackal Tech con sede in India, che su Google Play Store vanta oltre 5 milioni di download, e "MIA Fem", di proprietà della Mobapp Development Limited con sede a Cipro, che afferma di avere oltre 2 milioni di utenti in tutto il mondo.

Tali app, che sono disponibili anche su App Store, tracciano il ciclo mestruale e sono usate da milioni di donne per vari fini, tra cui l'ottimizzazione della possibilità di concepire un bambino, oppure anche a scopo contraccettivo.

Secondo Privacy International, la condivisione dei dati con Facebook da parte delle app avviene tramite il Software Development Kit (SDK) di Facebook, che tra le varie funzioni aiuta gli sviluppatori delle applicazioni a incorporare caratteristiche particolari e raccogliere dati degli utenti in modo che Facebook possa mostrare loro annunci pubblicitari mirati.

Quando un utente inserisce le proprie informazioni nell'app, tali dati personali possono anche essere inviati dall'SDK direttamente a Facebook, e pare che Maya inizi a condividere alcuni dati ogni volta che l'app viene aperta anche prima che la persona accetti l'informativa sulla privacy. Come evidenziato dal rapporto di Privacy International, tra i dati che l'app chiede agli utenti di inserire e che condivide con Facebook ci sono anche informazioni su quando hanno fatto sesso e che tipo di contraccezione hanno usato.

Interrogati dal sito di notizie statunitense BuzzFeed News a proposito della questione, da Facebook hanno riferito di essersi messi in contatto con gli sviluppatori delle app identificate da Privacy International per verificare le possibili violazioni dei propri termini di servizio, incluso l'invio di tipologie di informazioni sensibili che sono vietate dalle policy del social network.

Intanto, in attesa che sia fatta chiarezza su come siano realmente utilizzati i dati degli utenti, alcune società sviluppatrici delle app coinvolte minacciano azioni legali contro Privacy International, ma sembra che tutte le accuse siano ben documentate, e alle autorità garanti per la protezione dei dati personali non resterà altro che rimboccarsi le maniche.

Affaritaliani.it - Nicola Bernardi, presidente di Federprivacy - @Nicola_Bernardi

Note sull'autore

Nicola Bernardi Nicola Bernardi

Presidente di Federprivacy. Consulente del Lavoro. Consulente in materia di protezione dati personali e Privacy Officer certificato TÜV Italia, Of Counsel Ict Legal Consulting, Lead Auditor ISO/IEC 27001:2013 per i Sistemi di Gestione per la Sicurezza delle Informazioni. Twitter: @Nicola_Bernardi

Prev Ora il distributore automatico può sapere se il caffè vi piace dolce o amaro. E molto di più…
Next Nicola Fabiano nuovo presidente del Garante Privacy della Repubblica di San Marino

Rai Parlamento, Nicola Bernardi parla del GDPR

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
captcha 
Privacy e Termini di Utilizzo