NEWS

Cina: niente privacy sul social che mostra gli indirizzi IP degli utenti per 'combattere' i cattivi comportamenti online

Giovedì scorso il social network “Weibo”, l'equivalente cinese di Twitter, ha annunciato che quando gli utenti posteranno i loro commenti, saranno pubblicati anche gli indirizzi IP sulle pagine del loro account, allo scopo di combattere i "cattivi comportamenti" online. . La notizia è stata resa nota dalla Cnn.

La mossa, pubblicata sull'account ufficiale di Weibo, ha raccolto oltre 200 milioni di visualizzazioni ed è stata ampiamente discussa, con alcuni utenti sconvolti dalla percepita riduzione della loro privacy online. "Ogni indirizzo IP sembra sussurrarti all'orecchio: 'Stai attento'", ha scritto un utente denominato “Misty”. Altri, invece, hanno affermato di essere favorevoli alle misure, alla luce della disinformazione relativa al Covid. "Soprattutto in un momento in cui la situazione Covid è ancora grave, le posizioni fornite dagli indirizzi IP che vengono rapidamente rivelate possono ridurre efficacemente l'aspetto di contenuti disgustosi da parte da chi diffonde notizie prive di riscontro", ha scritto l'utente “UltraScrry”.

Weibo, che ha oltre 570 milioni di utenti attivi mensili, ha affermato che gli indirizzi IP degli utenti verranno visualizzati con le nuove impostazioni non possono essere disattivate dagli utenti.

Per gli utenti in Cina, la piattaforma spiega che mostrerà la provincia o il comune da cui stanno postando. Per coloro che utilizzano invece Weibo all'estero, verrà invece visualizzato il paese degli indirizzi IP degli utenti.

Weibo, addio privacy: ora mostra la posizione di 570 milioni di utenti

Le impostazioni sono progettate per "ridurre comportamenti scorretti come impersonare parti coinvolte in problemi di argomenti caldi, disinformazione dannosa e scraping del traffico, e per garantire l'autenticità e la trasparenza del contenuto diffuso" - si legge in un avviso - "Weibo si è sempre impegnata a mantenere un'atmosfera di discussione sana e ordinata e a proteggere i diritti e gli interessi degli utenti per ottenere rapidamente informazioni reali ed efficaci". Gli effetti delle nuove regole sono già visibili sotto lo stesso avviso, poiché migliaia di commenti degli utenti portano tutti un'etichetta aggiuntiva che indica la provincia o il comune dell'indirizzo IP dell'utente, che secondo la normativa europea è considerato un dato personale.

Il mese scorso, Weibo aveva affermato che avrebbe iniziato a testare queste impostazioni su alcuni utenti in risposta alla disinformazione relativa alla guerra Ucraina-Russia. La Cina controlla strettamente il suo cyberspazio e nell'ultimo anno ha intensificato i propri sforzi per "ripulire" Internet.

I siti di social media cinesi che non riescono a censurare i contenuti critici devono affrontare sanzioni finanziarie e sospensioni temporanee del servizio ai sensi della legge vigente. Weibo, che nell'ultimo anno ha ricevuto diverse sanzioni dall'autorità di regolamentazione del cyberspazio cinese, pubblica spesso avvisi sui suoi sforzi per combattere i comportamenti scorretti online, inclusa la pubblicazione dei nomi degli account puniti. Tuttavia, non ha affrontato pubblicamente casi di account sospesi o banditi per aver semplicemente espresso opinioni dissenzienti, come sostenere l'Ucraina o criticare la Russia per la guerra in corso.

Note Autore

Federprivacy Federprivacy

Federprivacy è la principale associazione di riferimento in Italia dei professionisti della privacy e della protezione dei dati personali, iscritta presso il Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della Legge 4/2013. Email: urp@federprivacy.org 

Prev Irlanda: sanzione a Facebook da 17 milioni di euro per violazione del Gdpr
Next Francia, sanzioni record per violazione della privacy con i cookie: 150 milioni di euro a Google e 100 milioni a Facebook

Il Gdpr per far decollare economia digitale

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
Ho letto l'Informativa Privacy