NEWS

Belgio: controlli della temperatura durante la pandemia senza valida base giuridica, sanzionati aeroporti per violazione della privacy dei passeggeri

L’autorità per la protezione dei dati personali del Belgio ha sanzionato gli aeroporti Zaventem e Charleroi-Bruxelles Sud di Bruxelles per aver effettuato controlli della temperatura corporea dei passeggeri e somministrato loro questionari anamnestici nell'ambito della lotta al Covid-19 senza disporre di una valida base giuridica e senza aver neppure fatto una valutazione d’impatto prima di raccogliere i dati sanitari dei viaggiatori.

Controlli della temperatura senza valida base giuridica durante la pandemia

Il caso si era aperto in piena pandemia nel marzo 2020 quando il garante della privacy belga (APD) aveva avviato un’indagine dopo aver appreso dalla stampa che negli aeroporti di Bruxelles si stava misurando la temperatura dei passeggeri.

Nei due aeroporti, i termoscanner permettevano di controllare la temperatura alle persone, e a quelle a cui veniva rilevata una situazione febbrile con oltre 38 gradi venivano sottoposti dei questionari per individuare i possibili sintomi legati al coronavirus.

Al termine dell’ istruttoria, l’Autorité de protection des données ha constatato che il trattamento era illecito perché gli aeroporti non avevano una valida base giuridica per raccogliere i dati sanitari relativi alla temperatura dei viaggiatori, la cui privacy era stata quindi violata.

A norma del Gdpr, trattandosi di informazioni sensibili, in linea di principio i dati di questo tipo non possono essere trattati, salvo in un numero limitato di eccezioni previste dall'art. 9.2 del Regolamento UE 2016/679.

Inoltre, il garante belga ha rilevato carenze sulle informazioni sul trattamento dei dati personali fornite ai viaggiatori e sulla mancata effettuazione di una valutazione d’impatto, come sottolinea David Stevens, Presidente dell'autorità: "Questa decisione evidenzia l'importanza di svolgere una valutazione d’impatto modo rigoroso e completo, e questo prima di iniziare un trattamento dei dati che possa creare un rischio per le persone. Prevenire è meglio che curare è un principio molto importante anche nel campo della protezione dei dati.”

Per tali violazioni, l’Autorité de protection des données il 4 aprile 2022 ha reso noto di aver inflitto complessivamente 320.000 euro di sanzioni pecuniarie, rispettivamente 200.000 euro all'aeroporto di Bruxelles Zaventem, 100.000 euro all'aeroporto di Charleroi di Bruxelles Sud, e anche 20.000 euro all'Ambuce Rescue Team, la società esterna che somministrava i questionari.

Il Garante sottolinea che nella propria decisione ha tenuto conto del contesto della crisi sanitaria. Ricorda che dall'inizio della pandemia si è adoperato per informare in modo proattivo le organizzazioni delle norme applicabili al trattamento dei dati effettuato nel contesto dell'emergenza Covid-19, compresi in particolare i controlli della temperatura .

Note Autore

Federprivacy Federprivacy

Federprivacy è la principale associazione di riferimento in Italia dei professionisti della privacy e della protezione dei dati personali, iscritta presso il Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della Legge 4/2013. Email: urp@federprivacy.org 

Prev Usa, hacker violano la privacy di 4,5 milioni di pazienti
Next Polonia: se il data breach comporta rischi elevati per gli interessati l’avviso sul portale non basta. Sanzionata una banca

TV Nove Italia, Nicola Bernardi intervistato alla trasmissione 9X5

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
Ho letto l'Informativa Privacy