NEWS

Usa: la Federal Trade Commission minaccia di vietare a Facebook di monetizzare i dati dei bambini

Negli Stati Uniti la Federal Trade Commission (FTC) accusa Facebook di fuorviare i genitori sulla protezione dei bambini e propone di rafforzare un accordo esistente sulla privacy per includere il divieto di trarre profitto dai dati personali dei minori.


Come riporta The Guardian, mercoledì scorso, la FTC ha infatti affermato che Facebook ha ingannato i genitori su quanto controllo avevano su chi i loro figli avevano in contatto nell'app Messenger Kids e su quanto accesso gli sviluppatori di app avevano ai dati privati degli utenti, violando un accordo sulla privacy del 2019.

Le modifiche proposte dalla FTC includono il divieto a Facebook di guadagnare con i dati raccolti sugli utenti di età inferiore ai 18 anni, anche nella sua attività di realtà virtuale. Dovrebbe inoltre affrontare limitazioni estese sull'utilizzo della tecnologia di riconoscimento facciale.

Le azioni di Meta, la società madre di Facebook, sono scese fino al 2% dopo la notizia, mentre un portavoce di Meta ha dichiarato che la mossa è stata una "trovata politica" affermando: "combatteremo vigorosamente questa azione e ci aspettiamo di prevalere".

L'azione della FTC è il primo passo nel processo di modifica dell'accordo del 2019. Facebook avrà 30 giorni per rispondere. La società può impugnare qualsiasi decisione della commissione presso una corte d'appello.

"Facebook ha ripetutamente violato le sue promesse sulla privacy", ha affermato Samuel Levine, direttore dell'Ufficio per la protezione dei consumatori della FTC. "L'incoscienza dell'azienda ha messo a rischio i giovani utenti e Facebook deve rispondere dei suoi fallimenti".

La FTC si era già accordata due volte con Facebook per altre violazioni della privacy. La prima volta è stata nel 2012. Nel 2019 Facebook ha accettato di pagare una multa record di 5 miliardi di dollari per risolvere le accuse di aver violato un ordine di consenso del 2012 ingannando gli utenti su quanto controllo avessero sui loro dati personali.

Meta è uno dei numerosi giganti dei social media che negli ultimi anni è stato sottoposto a scrutinio sui potenziali danni che i suoi prodotti pongono ai bambini.

I meta leader hanno testimoniato davanti al Congresso dopo le rivelazioni dell'informatore Frances Haugen, secondo cui la società sapeva di indirizzare i giovani utenti verso contenuti dannosi che potrebbero avere gravi ripercussioni sulla salute mentale.

Anche altre società di social media hanno dovuto affrontare una crescente pressione sull'incapacità di controllare la disinformazione e l'incitamento all'odio sulle loro piattaforme, un problema che è stato oggetto di numerose udienze congressuali negli ultimi anni. Tuttavia, Washington ha intrapreso poche azioni concrete per affrontare le preoccupazioni.

Con lo stallo della legislazione nazionale, i gruppi per i diritti dei consumatori hanno applaudito la mossa della FTC, descrivendola come un passo positivo verso la creazione di protezioni più solide per i bambini online.

"I bambini non avrebbero mai dovuto essere usati come motore di profitto per Meta, ed è fantastico che la FTC continui ad agire in modo aggressivo", ha affermato Lisa Gilbert, vicepresidente esecutivo del progressista Public Citizen senza scopo di lucro. "Fino a quando il Congresso non manterrà la sua promessa di garantire la privacy di bambini e adulti online, è fondamentale che l'agenzia applichi coraggiosamente la legge".

Note Autore

FederPrivacy FederPrivacy

Federprivacy è la principale associazione di riferimento in Italia dei professionisti della privacy e della protezione dei dati personali, iscritta presso il Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della Legge 4/2013. Email: [email protected] 

Prev Perù: nella causa di separazione a stabilire l'assegno da versare per il mantenimento dei figli è ChatGpt
Next App per il controllo della fertilità accusata di ingannare le donne che la usano inviando i loro dati sanitari ad aziende con sede in Cina

Privacy Day Forum 2024: intervista a Guido Scorza

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
Ho letto l'Informativa Privacy