NEWS

Scatta il reato di truffa aggravata dal furto di identità digitale per chi sottrae fondi dall’home banking

Scatta il reato di “frode informatica” con l’aggravante del “furto di identità digitale” (punito da due a sei anni) per chi sottrae fondi dall’home banking di una terza persona, qualsiasi sia il mezzo utilizzato per l’accesso: pin, chiavetta ecc. Lo ha chiarito la Corte di cassazione, sentenza n. 13559/2024, affermando che la nozione di “identità digitale” non può essere limitata alle sole procedure di validazione della Pa (Spid; CIE; firma digitale) ma si estende anche al settore privato, ed in particolare a quello del credito al consumo.

Truffa aggravata dal furto di identità digitale per chi sottrae fondi dall’home banking

Fonte: Il Sole 24 Ore - di Francesco Machina Grifeo

Note Autore

FederPrivacy FederPrivacy

Federprivacy è la principale associazione di riferimento in Italia dei professionisti della privacy e della protezione dei dati personali, iscritta presso il Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della Legge 4/2013. Email: [email protected] 

Prev La posta elettronica del dipendente può essere controllata solo se c’è un sospetto fondato
Next Ai sindacati non vanno comunicati i nomi dei dipendenti che hanno percepito le somme del fondo di istituto ma solo i dati aggregati

Privacy Day Forum 2023: Smartphone usati & Privacy

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
Ho letto l'Informativa Privacy