NEWS

BYOD, necessario gestire e pianificare l'uso dei dispositivi per mettersi in salvo

Imprese obbligate a scrivere una Bia, cioè una Byod Impact Assessment, dove Byod sta per «bring your own device»: si tratta dell'utilizzo per esigenze di servizio di dispostivi appartenenti al lavoratore. Per scongiurare i pericoli della criminalità informatica e anche per stare lontano da sanzioni amministrative per violazione della privacy, bisogna gestire e pianificare se e come utilizzare i dispositivi dei dipendenti. Nella Bia occorre precisare che spetta al datore di lavoro la decisione se autorizzare l'uso di strumenti diversi da quelli inventariati nel patrimonio aziendale, chiarendo che questo riguarda

Note Autore

Federprivacy Federprivacy

Federprivacy è la principale associazione di riferimento in Italia dei professionisti della privacy e della protezione dei dati personali, iscritta presso il Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della Legge 4/2013. Email: urp@federprivacy.org 

Prev Furto di dati sul pc del dipendente in smart working, a pagare la sanzione è il datore di lavoro
Next Videosorveglianza su aree comuni per provare lo stalking tra vicini

Basta un consenso e Google Maps vi pedina ovunque andate

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
Ho letto l'Informativa Privacy