NEWS

Videosorveglianza: niente reato se il datore la usa per prevenire il comportamento infedele del lavoratore

Non commette reato il datore che installi impianti di videosorveglianza, senza accordo sindacale, se il tutto è funzionale a prevenire possibili comportamenti infedeli dei lavoratori. Lo chiarisce la Cassazione con la sentenza n. 3255/21. La vicenda. Alla base della pronuncia una vicenda in cui il Tribunale di Viterbo aveva dichiarato un soggetto colpevole di cui agli articoli 4, primo e secondo comma e 38 della legge 300/1970 e gli ha irrogato la pena di 200 euro di ammenda, previa la concessione delle attenuanti generiche. Secondo quanto ricostruito dal Tribunale l'imputato, quale titolare di una ditta esercente l'attività di commercio al dettaglio, aveva installato impianti video all'interno dell'azienda utilizzabili per il controllo a distanza dei dipendenti, senza aver chiesto

Note Autore

Federprivacy Federprivacy

Federprivacy è la principale associazione di riferimento in Italia dei professionisti della privacy e della protezione dei dati personali, iscritta presso il Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della Legge 4/2013. Email: urp@federprivacy.org 

Prev Cybersecurity, adempimenti a doppio binario per correre ai ripari in caso di data breach
Next Informazioni commerciali, i dati provenienti da fonte pubblica non vanno presi per oro colato

Rai Parlamento, Nicola Bernardi parla del GDPR

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
Ho letto l'Informativa Privacy