NEWS

Tribunale di Pordenone, stop alle censure immotivate da parte di Facebook

Stop alle censure immotivate da parte di Facebook. Il social network non potrà più disattivare profili sulla base di violazioni solo presunte ed evidenziate senza contraddittorio. Prevista una penale in capo all'azienda americana per ogni giorno di ritardo nella riattivazione dell'account immotivatamente disattivato. È quanto stabilito dal tribunale di Pordenone nella causa civile n. 2139/2018 pubblicata lo scorso 10 dicembre. La vicenda riguarda un procedimento cautelare, patrocinato dall'avvocato Guido Gallovich, in cui il ricorrente chiedeva a Facebook l'immediato ripristino del suo profilo personale e l'immediata riattivazione del relativo accesso ad una pagina

Note Autore

Federprivacy Federprivacy

Federprivacy è la principale associazione di riferimento in Italia dei professionisti della privacy e della protezione dei dati personali, iscritta presso il Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della Legge 4/2013. Email: urp@federprivacy.org 

Prev Cassazione: il redditometro non viola la privacy
Next Cassazione, privacy rafforzata su dati inerenti salute e orientamento sessuale

Federprivacy, Gdpr per far decollare economia digitale

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
captcha 
Privacy e Termini di Utilizzo