NEWS

Offese su WhatsApp: occorre distinguere caso per caso tra ingiuria e diffamazione

La questione affrontata dalla recente sentenza della Corte di Cassazione 28675/2022 attiene al corretto inquadramento sotto il profilo dell'ingiuria piuttosto che della diffamazione degli scritti offensivi in una chat Whatsapp. Nella vicenda il fatto consisteva nell'invio, da parte della imputata, di plurimi messaggi scritti e audio in una chat di whatsapp a cui partecipavano un suo contatto ed altre giovani ragazze, dal contenuto pesantemente offensivo nei confronti del contatto stesso. Messaggi scatenati dal fatto che quest'ultimo le aveva restituito, perché non in grado di accudirlo, un cucciolo di cane che l'imputata gli aveva regalato. L'imputata evidenziava che dalla lettura della chat risultava che la persona offesa aveva immediatamente replicato alle offese pronunziate nei suoi confronti. Il che (a suo dire) significava che era presente e che, quindi, non di diffamazione si era trattato ma, al più, di ingiuria.

Offese su Whatsapp: occorre distinguere tra ingiuria e diffamazione

Note Autore

Federprivacy Federprivacy

Federprivacy è la principale associazione di riferimento in Italia dei professionisti della privacy e della protezione dei dati personali, iscritta presso il Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della Legge 4/2013. Email: urp@federprivacy.org 

Prev Rischia grosso lo studio professionale a cui vengono sottratti i dati dei contribuenti
Next Il contrasto alla corruzione non giustifica la divulgazione di dati sensibili in rete

App di incontri e rischi sulla privacy

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
Ho letto l'Informativa Privacy