NEWS

Nelle scuole è allerta per i dati fuori dalla UE: la circolare del Ministero dell'Istruzione

Al setaccio i contratti con i fornitori di servizi elettronici: le scuole, una per una, devono verificare se questi applicativi esportano dati al di fuori dell'Unione Europea nel rispetto del Gdpr. Inoltre, gli istituti devono anche configurare i sistemi in maniera da evitare l'indebito invio di informazioni relative a personale, studenti e famiglie verso Stati che non garantiscono una tutela dei dati equiparabile a quella del Regolamento Ue sulla privacy n. 2016/679 (Gdpr). Sono queste alcune indicazioni desumibili dalla nota del ministero dell'istruzione e del merito (Mim) protocollo n. 706 - del 20 marzo 2023, recapitata a tutti gli uffici scolastici regionali e agli organi scolastici delle autonomie. La nota dà un primo riscontro alle richieste di supporto in merito alla valutazione di conformità al Gdpr del trasferimento extra UE di dati personali degli utenti delle istituzioni scolastiche attraverso servizi elettronici e piattaforme on line.

Le scuole devono verificare la pertinenza del trasferimento di dati fuori dall' UE

Note Autore

Antonio Ciccia Messina Antonio Ciccia Messina

Professore a contratto di "Tutela della privacy e trattamento dei dati Digitali” presso l'Università della Valle d’Aosta. Avvocato, autore di Italia Oggi e collaboratore giornali e riviste giuridiche e appassionato di calcio e della bellezza delle parole.

Prev Stop all’uso dei dati biometrici per identificare i lavoratori
Next Alle lezioni on line si applicano le norme sulla privacy a tutela degli insegnanti anche se c'è la pandemia

Privacy Day Forum 2024: intervista a Pasquale Stanzione

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
Ho letto l'Informativa Privacy