NEWS

I vizi sulle modalità di installazione del trojan non rendono inutilizzabile l’intercettazione

Se l’autorizzazione è corretta, allora i vizi delle modalità non travolgono tutta l’intercettazione con trojan. A questa conclusione approda la Corte di cassazione con la sentenza n. 32428 della Quinta sezione penale con la quale è stata respinta una serie di motivi di ricorso contro un’operazione di intercettazione disposta attraverso l’installazione di virus informatico. I difetti di documentazione - In particolare, la difesa di un imputato di traffico di stupefacenti, aveva lamentato una scarsa precisione dei decreti autorizzativi nell’indicare le modalità con le quali la polizia giudiziaria aveva potuto utilizzare il personale di una ditta specializzata nelle

Note Autore

Federprivacy Federprivacy

Federprivacy è la principale associazione di riferimento in Italia dei professionisti della privacy e della protezione dei dati personali, iscritta presso il Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della Legge 4/2013. Email: urp@federprivacy.org 

Prev Sono prove documentali le video registrazioni dei privati in aree condominiali o a uso comune
Next Trasferimento dati all'estero, nuove clausole contrattuali standard dalla Commissione Ue

Big Data e Internet of Things, gli esperti ne parlano al CNR di Pisa

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
Ho letto l'Informativa Privacy