NEWS

Cassazione: il datore di lavoro non può imporre ai dipendenti il rilevamento dell’impronta digitale

No ai dipendenti “schedati” con le impronte digitali per rilevare le presenze in servizio. È illegittimo l'impiego della rilevazione biometrica senza il consenso ad hoc dei lavoratori, mentre non basta l'assenso generico prestato dagli interessati all'azienda per il trattamento di dati effettuato con mezzi elettronici. Nessun dubbio che si configuri il trattamento dei dati anche senza la registrazione delle informazioni in un database.

L’azienda non può imporre ai dipendenti il rilevamento dell’impronta per accedere al luogo di lavoro

Fonte: Italia Oggi del 23 maggio 2023 - di Dario Ferrara

Note Autore

FederPrivacy FederPrivacy

Federprivacy è la principale associazione di riferimento in Italia dei professionisti della privacy e della protezione dei dati personali, iscritta presso il Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della Legge 4/2013. Email: [email protected] 

Prev Gli indirizzi email degli studenti non possono essere divulgati indiscriminatamente
Next Scatta la multa per chi pubblica fotografie o video sui social network di chi commette un illecito

Privacy Day Forum 2023: i momenti salienti

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
Ho letto l'Informativa Privacy