NEWS

Per gli utenti americani la privacy vale tre dollari al mese

Un nuovo studio ha rivelato che gli utenti tedeschi di Facebook credono che il social network dovrebbe pagare 8 dollari al mese per avere il permesso di utilizzare le informazioni personali, mentre gli utenti statunitensi si accontenterebbero di soli 3,50 dollari al mese.


Lo studio, intitolato “Quanto vale la privacy in tutto il mondo sulle piattaforme?", è stato condotto dal Technology Policy Institute (TPI). È la prima volta che viene fatto uno studio del genere, con l’obiettivo di quantificare il valore della privacy e dei dati online. La ricerca ha esaminato le abitudini degli utenti negli Stati Uniti, in Germania, Messico, Brasile, Colombia e Argentina per valutare quanto vale la privacy in ciascun Paese.

Come spiega la Reuters, lo studio è stato effettuato in un momento in cui i consumatori sono sempre più preoccupati di come le aziende leader nel campo della tecnologia e i rivenditori raccolgono e monetizzano i loro dati personali.

Lo studio ha rilevato che gli utenti tedeschi chiedono una cifra superiore, rispetto ai consumatori statunitensi, per consentire alle aziende tecnologiche di condividere i propri dati personali con terze parti. Tuttavia, le persone in tutti i Paesi esaminati attribuiscono il massimo valore alle informazioni finanziarie, come i saldi delle banche e le informazioni biometriche, mentre i dati sulla posizione sono i meno preziosi.

Stanto ai risultati dello studio, una piattaforma tecnologica dovrebbe pagare ai consumatori 8,44 dollari al mese per condividere le informazioni sul saldo bancario, 7,56 dollari per condividere le informazioni sulle impronte digitali, 6,05 dollari per leggere quello che scrive l’utente e 5,80 dollari per condividere informazioni sui prelievi di contanti. Sorprendentemente, i partecipanti al sondaggio vogliono essere pagati solo 1,82 dollari al mese per condividere i loro dati sulla posizione.

Note Autore

Federprivacy Federprivacy

Federprivacy è la principale associazione di riferimento in Italia dei professionisti della privacy e della protezione dei dati personali, iscritta presso il Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della Legge 4/2013. Email: urp@federprivacy.org 

Prev La Guardia di Finanza sequestra discarica abusiva con cartelle cliniche della Asl abbandonate tra i rifiuti
Next Bambini schedati a scuola, chiesta l'impronta digitale per mangiare alla mensa

I chiarimenti del Garante sulla Norma UNI 11697:2017

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
captcha 
Privacy e Termini di Utilizzo