NEWS

Il 51% delle organizzazioni impone ai propri dipendenti restrizioni sull’uso dell’Intelligenza Artificiale generativa a causa dei timori sulla privacy

Secondo il rapporto dello studio “Data Privacy Benchmark” di Cisco, quasi un terzo delle organizzazioni (27%) stanno limitando ai propri dipendenti l’uso dell’Intelligenza Artificiale generativa (come ad esempio ChatGPT) a causa delle preoccupazioni legate alla privacy e alla sicurezza dei dati.

IA generativa: piace a tutti, ma un'azienda su quattro vieta ai dipendenti di utilizzarla

L’indagine, che ha coinvolto 2.600 professionisti della privacy e della sicurezza in 12 aree geografiche, offre una panoramica del clima complessivo in materia di privacy e sicurezza dei dati.

Nell’ambito delle risposte fornite, la ricerca mostra che il 42% degli intervistati (in Italia al 38%) ha ammesso di aver utilizzato strumenti di Intelligenza Artificiale generativa inserendo informazioni aziendali sensibili non pubbliche.

Un quarto delle organizzazioni (27%) ha vietato completamente (almeno temporaneamente) l’uso dell’IA generativa.

Le organizzazioni vedono l’Intelligenza Artificiale generativa come una tecnologia piena di sfide” - ha spiegato Dev Stahlkopf, Chief Legal Officer di Cisco - “Oltre il 90% degli intervistati ritiene che l’AI generativa richieda nuove tecniche per la gestione e la sicurezza dei dati e dei rischi. È qui che interviene la governance attenta. Riguarda la fiducia dei clienti”.

Dal rapporto è emerso che le organizzazioni stanno di conseguenza mettendo in atto controlli di sicurezza in risposta a questi timori. Il 51% delle organizzazioni italiane e il 63% a livello globale hanno imposto limitazioni ai dati che possono essere inseriti nei propri strumenti di Intelligenza Artificiale generativa, con un altro 51% italiano e 61% globale che ha stabilito restrizioni sugli stessi strumenti che possono essere utilizzati.

Le preoccupazioni riguardano anche l’utilizzo dei dati da parte dell’IA, infatti il 91% delle organizzazioni afferma che deve fare di più per rassicurare i clienti sul fatto che i loro dati vengono trattati in modo trasparente e corretto.

“Il 94% degli intervistati afferma che i clienti acquistano solo se i loro dati sono adeguatamente protetti” - ha affermato Harvey Jang, Vice President e Chief Privacy Officer di Cisco - “I consumatori cercano prove concrete che l’organizzazione sia affidabile. La privacy è fondamentalmente legata alla fiducia e alla lealtà del cliente”.

La spesa per la privacy è più che raddoppiata negli ultimi 5 anni, con un’impressionante percentuale del 95% delle organizzazioni (88% in Italia) che ritiene che i benefici della gestione della privacy superino i costi sostenuti.

Nonostante le grandi organizzazioni abbiano incrementato la spesa per la privacy dell’8% rispetto all’anno scorso, le organizzazioni più piccole hanno seguito una tendenza inversa. Ad esempio, le aziende con una dotazione di personale tra 50 e 249 dipendenti hanno ridotto i loro investimenti in privacy del 25% nell’ultimo anno.

Note Autore

FederPrivacy FederPrivacy

Federprivacy è la principale associazione di riferimento in Italia dei professionisti della privacy e della protezione dei dati personali, iscritta presso il Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della Legge 4/2013. Email: [email protected] 

Prev Google ammette di tracciare gli utenti anche nella navigazione in incognito con il browser Chrome
Next Dopo l'attacco hacker al sistema sanitario, la Regione Basilicata comunica la violazione dei dati degli utenti

Privacy Day Forum 2023: i momenti salienti

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
Ho letto l'Informativa Privacy