NEWS

Hacker oscurano il registro online sul sito del liceo, studenti senza voti

Schermate con foto inquietanti e messaggi scritti in turco e in inglese al posto dei voti scolastici. Secondo quanto rende noto la testata online locale "Arezzo Notizie", questo è quello che hanno visualizzato con loro sorpresa gli studenti di un liceo toscano quando hanno digitato la loro password per accedere come al solito al registro elettronico per verificare il loro andamento scolastico e le attività didattiche sul sito web dell'istituto o attraverso un'app sul telefonino.

Spariti quindi i voti e le note sul comportamento degli studenti che gli insegnanti inseriscono abitualmente nel registro elettronico, e per questo ha fatto subito il giro dei cellulari di centinaia di studenti su Facebook e tramite i vari gruppi di Whatsapp la schermata con il messaggio minaccioso che oscurava il registro elettronico del liceo, che a prima vista faceva pensare ad un attacco di hacker operanti dalla Turchia, anche se le indagini delle forze dell'ordine potrebbero portare a individuare molto più vicino gli autori dell'atto vandalico, non essendo infatti da escludere che la bravata sia stata in realtà commessa da qualche giovane smanettone vicino al circuito scolastico che possa aver approfittato di alcune vulnerabilità del sito dell'istituto, che peraltro utilizza ancora vecchi protocolli di connessione come l' "http" invece dell' "https", e per questo etichettato come "non sicuro" nella barra degli indirizzi sul browser, con una sensazione di un livello di sicurezza non impeccabile, anche per il fatto che al momento delle verifiche effettuate subito dopo la pubblicazione della notizia, il form dei contatti risultava irraggiungibile e contrassegnato da un messaggio di errore che impediva di scrivere al liceo.

Altrettanto evidenti erano le carenze sul piano del rispetto del Gdpr, in quanto l'informativa sulla privacy del sito riportava ancora il riferimento al vecchio art.13 del Dlgs 196 del 2003 invece che quello al Regolamento UE 2016/679 entrato in vigore ormai da un anno, e neanche erano rintracciabili nel documento i punti di contatto del data protection officer, figura obbligatoria per tutte le pubbliche amministrazioni e per le organizzazioni che trattano dati sensibili su larga scala, a cui dovrebbero potersi rivolgere gli studenti per chiedere spiegazioni ed esercitare i diritti che sono loro riconosciuti dalla legge sulla protezione dei dati personali. Degno di nota, è che, nei giorni successivi nel sito del liceo il form dei contatti tornava funzionante, e comparivano pure i recapiti del Dpo, a testimoniare che qualcuno si è attivato per correre ai ripari.

Anche se il fatto dovesse infine rivelarsi una spavalda goliardata commessa da qualche giovane che con il computer se la cava bene, rischia quindi di passare delle grane il liceo Vittoria Colonna di Arezzo, sia per le multe che possono arrivare fino a 20 milioni di euro, sia perchè, nel caso si concretizzasse un "data breach", il Gdpr prevede l'obbligo di notifica entro 72 ore al Garante per la privacy, e l'autorità non potrebbe evitare di mettere gli occhi sulle violazioni riguardanti i dati personali degli studenti e sul livello di conformità e di sicurezza del sito web dell'istituto scolastico.

Affaritaliani.it - Nicola Bernardi, presidente di Federprivacy - @Nicola_Bernardi

Note Autore

Nicola Bernardi Nicola Bernardi

Presidente di Federprivacy. Consulente del Lavoro. Consulente in materia di protezione dati personali e Privacy Officer certificato TÜV Italia, Of Counsel Ict Legal Consulting, Lead Auditor ISO/IEC 27001:2013 per i Sistemi di Gestione per la Sicurezza delle Informazioni. Twitter: @Nicola_Bernardi

Prev Il Garante per la Privacy sanziona l'Associazione Rousseau
Next Usa: "Amazon viola la privacy dei bambini con gli smart speaker"

Nicola Bernardi, presidente di Federprivacy, intervistati a Kudos su Rai 4

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
Ho letto l'Informativa Privacy