NEWS

Elon Musk e altri 1.000 leader della Silicon Valley: 'sospendere lo sviluppo dell’intelligenza artificiale'

Elon Musk e oltre 1.000 fra ricercatori e manager chiedono una “pausa” di sei mesi nello sviluppo dei sistemi di intelligenza artificiale avanzati come ChatGPT - l’intelligenza artificiale generativa finanziata da Microsoft - per fermare quella che definiscono una «pericolosa» corsa agli armamenti.

ettera aperta gli oltre 1.000 firmatari spiegano come «negli ultimi mesi c’è stata una corsa fuori controllo dei laboratori per l’intelligenza artificiale

In una lettera aperta pubblicata da Future of Life Institute e riportata dal Financial Times (qui la traduzione in italiano a cura del Sole 24 Ore) che rilancia gli interrogativi etici sull’intelligenza artificiale, gli oltre 1.000 firmatari spiegano come «negli ultimi mesi c’è stata una corsa fuori controllo dei laboratori per l’intelligenza artificiale a sviluppare e dispiegare potenti menti digitali che nessuno, neanche i creatori, possono capire, prevedere e controllare».

«Chiediamo a tutti i laboratori di intelligenza artificiale di fermarsi immediatamente per almeno sei mesi nell’addestrare i sistemai di IA più potenti come GPT-4. La pausa dovrebbe essere pubblica, verificabile e includere tutti. Se non sarà attuata rapidamente, i governi dovrebbero intervenire e istituire una moratoria», si legge nella missiva.

«I sistemi di intelligenza artificiale possono comportare gravi rischi per la società e l’umanità», continua l’appello.

Tra i firmatari, oltre a Elon Musk, amministratore delegato di Tesla, anche Steve Wozniak, cofondatore di Apple, Andrew Yang, candidato alle primarie democratiche per le presidenziali del 2020, e altri leader del settore tecnologico.

Secondo Musk e gli altri, servono delle regole per supervisionare lo sviluppo della tecnologia, altrimenti rischiamo «di perdere il controllo della nostra civiltà. Tali decisioni non dovrebbero essere delegate a leader tech non eletti».

Fonte: Il Sole 24 Ore

Note Autore

FederPrivacy FederPrivacy

Federprivacy è la principale associazione di riferimento in Italia dei professionisti della privacy e della protezione dei dati personali, iscritta presso il Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della Legge 4/2013. Email: [email protected] 

Prev Risultati shock del rapporto 'Deadly by Design': 'entro 2 minuti e mezzo TikTok ha consigliato contenuti suicidi'
Next Fake News, attenti al pesce d’aprile che fa arricchire soggetti senza scrupoli

Privacy Day Forum 2023: Smartphone usati & Privacy

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
Ho letto l'Informativa Privacy