NEWS

Cybercrime: +138% gli attacchi informatici rilevati nel 2022

Le tensioni geopolitiche connesse al conflitto in Ucraina mettono sempre più a rischio la sicurezza cibernetica: nel 2022 sono stati infatti 12.947 gli attacchi rilevati contro infrastrutture critiche, istituzioni, aziende e privati, ovvero il 138% in più rispetto ai 5.434 dell’anno precedente. È quanto emerge dal report annuale del Cnaipic (Centro nazionale anticrimine informatico per la protezione delle infrastrutture critiche) della Polizia postale.

Nel 2022 la Polizia Postale ha scovato oltre mille casi di cyberterrorismo

Le campagne massive in corso a livello internazionale riguardano attività di phishing, diffusione di malware distruttivi, campagne di disinformazione e leak di database, e tra le infrastrutture critiche prese di mira dai cybercriminali vi sono sistemi finanziari e aziende operanti in settori strategici quali comunicazione e difesa.

Il rapporto registra soprattutto attacchi di tipo Atp (Advanced persistent threat), ed anche una recrudescenza nell’attività di attori ostili, connotati per l’esecuzione di attacchi ransomware volti a paralizzare servizi e sistemi critici mediante la cifratura dei dati contenuti, e campagne DDoS con l’obiettivo di sabotare la funzionalità delle risorse online.

In merito ai fenomeni di phishing, smishing, vishing, e tecniche utilizzate per carpire illecitamente dati personali e bancari per operare sui sistemi di home banking, sono state identificate ed indagate 853 persone (+9% rispetto all’anno precedente).

L’inoltre, l’attività della Polizia Postale per il contrasto alla pedopornografia on line ha portato all’individuazione di 4.542 casi, consentendo di indagare 1.463 soggetti, con 149 arresti per reati commessi in danno di minori, e un aumento di persone tratte in arresto di circa il +8%.

Per quanto riguarda il continuo monitoraggio svolto dalla Polizia Postale nelle attività di prevenzione, sono stati ispezionati 25.696 siti, di cui 2.622 inseriti in black list e oscurati, in quanto presentavano contenuti pedopornografici. I casi di cyberbullismo trattati sono stati 323, mentre quelli di sextorsion sono stati 130.

Nell’ambito delle truffe sul web, anche il 2022 ha registrato un incremento degli illeciti legati al fenomeno del trading online (3.020 i casi trattati, 130 le persone).

È in continuo e vertiginoso incremento anche l’utilizzo delle piattaforme di comunicazione online, social network e di applicazioni di messaggistica istantanea per attività di cyberterrorismo: a questo proposito, nel 2022 sono stati monitorati 173.306 spazi virtuali con 1.193 casi trattati e 66 persone indagate.

Per far fronte a continue e sempre più evolute sfide investigative sulle macro-aree di competenza, la Polizia Postale rende noto di aver implementato l’attività informativa e di monitoraggio ad ampio spettro, esteso anche al dark web, attivando canali di diretta interlocuzione con Europol, Interpol e Fbi.

Note Autore

Federprivacy Federprivacy

Federprivacy è la principale associazione di riferimento in Italia dei professionisti della privacy e della protezione dei dati personali, iscritta presso il Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della Legge 4/2013. Email: urp@federprivacy.org 

Prev Google dovrà pagare 9,5 milioni di dollari per aver fuorviato gli utenti e violato la loro privacy con i dark pattern
Next Il 68% dei DPO si sentono penalizzati dalla mancanza di sostegno da parte del management

Caffè Privacy: le sanzioni

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
Ho letto l'Informativa Privacy