NEWS

Norvegia, l'autorità per la protezione dei dati indaga sul nuovo modello di abbonamento senza pubblicità dei social di Meta

La Norvegia intensifica la sua battaglia legale contro Meta, la società madre di Facebook e Instagram, segnando un momento cruciale nella lotta europea per la tutela della privacy dei dati. La Datatilsynet, l’autorità norvegese per la protezione dei dati, ha recentemente multato Meta per 7 milioni di dollari e sta ora indagando sul nuovo modello di abbonamento senza pubblicità dell’azienda.

La battaglia europea per la privacy: al via l’azione della Norvegia contro Meta

La tensione tra Meta e la Norvegia è emersa meno di una settimana dopo il lancio del servizio di abbonamento in Europa. Nonostante Meta affermi che i dati personali degli abbonati non verranno utilizzati per la pubblicità, le autorità norvegesi rimangono scettiche. Line Coll, direttore della Datatilsynet, sottolinea che Meta continuerà a tracciare e raccogliere dati, anche senza mostrare pubblicità, sollevando seri dubbi sulla privacy.

Questa mossa della Norvegia riflette una tendenza più ampia in Europa, dove il GDPR ha stabilito standard elevati per la protezione dei dati personali. La Germania, la Francia e l’Italia, tra gli altri, hanno adottato un approccio rigoroso contro le violazioni della privacy da parte delle grandi aziende tecnologiche. Queste azioni dimostrano un impegno crescente per proteggere i diritti alla privacy dei cittadini europei.

La situazione in Norvegia potrebbe rappresentare un punto di svolta per Meta, sfidando il suo modello di business basato sulla raccolta di dati. Le azioni legali e le multe aumentano la pressione sull’azienda per rivedere le sue pratiche e allinearsi con le normative europee sempre più stringenti sulla privacy dei dati.

L’azione della Norvegia contro Meta non solo riguarda un singolo paese o un’azienda ma rientra in un movimento globale che mira a una maggiore trasparenza e responsabilità nell’utilizzo dei dati personali. Con le normative europee come modello, altre regioni potrebbero seguire l’esempio, influenzando significativamente le operazioni globali delle aziende tecnologiche.

La battaglia per la privacy dei dati con Meta è un esempio emblematico del cambiamento nel panorama normativo europeo. Questo conflitto sottolinea l’importanza crescente della protezione dei dati personali e potrebbe prefigurare un futuro in cui la privacy diventa un pilastro centrale delle pratiche aziendali e del dibattito pubblico a livello mondiale.

Fonte: Millionaire

Note Autore

FederPrivacy FederPrivacy

Federprivacy è la principale associazione di riferimento in Italia dei professionisti della privacy e della protezione dei dati personali, iscritta presso il Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della Legge 4/2013. Email: [email protected] 

Prev Croazia, sanzione per violazione della privacy da 5,4 milioni di euro ad un’agenzia di recupero crediti
Next Australia: per proteggere la privacy dei passeggeri la compagnia Qantas vieta di scattare foto o fare riprese video durante i voli

Privacy Day Forum 2023: i momenti salienti

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
Ho letto l'Informativa Privacy