NEWS

Germania, multa di 9,55 milioni di euro a call center tedesco per mancata protezione dati

L’Autorità Garante per la protezione dei dati personali tedesca (BFDI) ha sanzionato il servizio call center del provider 1&1 Telecommunications per 9,55 milioni di euro per violazione del GDPR (General data Protection Regulation). Si tratta di una delle maggiori sanzioni pecuniarie mai erogate in Germania dall’entrata in vigore del nuovo regolamento Ue sulla data protection, comminata dal garante tedesco per violazione dell’articolo 32 del regolamento, che impone alle aziende di prendere provvedimenti ben definiti dal punto di vista tecnico ed organizzativo per la protezione dei dati personali dei clienti.

Secondo quanto riscontrato dalla BFDI, i clienti che chiamavano 1&1 erano in grado di scoprire le informazioni personali dei un cliente semplicemente fornendo il nome e la data di nascita del soggetto. Ovviamente in questo modo le informazioni personali del cliente non sono sufficientemente protette.

1&1 Telecommunications è uno dei principali fornitore di servizi Dsl e mobile in Germania. Si tratta di una filiale del network provider 1&1 Drillisch, che conta 14 milioni di clienti in Germania.

Da quando l’azienda è finita sotto inchiesta da parte del Garante Privacy, ha aumentato le misure di sicurezza dell’autenticazione dei clienti, ma ciò non è bastato per evitare la sanzione. L’azienda farà ricorso.

Fonte: Key4Biz

Note Autore

Federprivacy Federprivacy

Federprivacy è la principale associazione di riferimento in Italia dei professionisti della privacy e della protezione dei dati personali, iscritta presso il Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della Legge 4/2013. Email: urp@federprivacy.org 

Prev Cina, riconoscimento facciale obbligatorio per stipulare un contratto di telefonia mobile
Next UK: il governo pubblica online per errore l'indirizzo di oltre mille vip

Ue, rischio multe per chi non si adegua a regolamento protezione dati

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
captcha 
Privacy e Termini di Utilizzo