NEWS

Facebook, alla fine le nuove norme privacy tuteleranno solo gli utenti europei

Un miliardo e mezzo di utenti Facebook, che pur non essendo europei avrebbero avuto la possibilità di essere protetti dalle nuove norme europee sulla privacy, non godranno di tale beneficio. Dal prossimo mese, quando sarà pienamente applicabile il nuovo Regolamento europeo sulla privacy (Gdpr), saranno infatti soggetti a nuovi termini di servizio della piattaforma e, invece di ricadere come oggi sotto Facebook Irlanda (quartier generale per utenti europei e non-europei ad esclusione di Usa e Canada), saranno spostati sotto Facebook Usa.

Facebook, ha rivelato Reuters, sta facendo alcune modifiche ai suoi termini di servizio per fare in modo che utenti non-europei che finora ricadevano sotto Facebook Irlanda non siano protetti dalle nuove norme previste dal Regolamento Ue sulla privacy. In sostanza stiamo parlando di utenti di Africa, Asia, Oceania e America Latina, circa 1,5 miliardi di persone.

Questi utenti fino ad oggi - diversamente da quelli di Stati Uniti e Canada - sottoscrivevano i termini di servizio con la sede Facebook in Irlanda. E quindi, una volta entrato in vigore il Gdpr, avrebbero potuto beneficiare - almeno in linea teorica - di una serie di tutele previste dallo stesso, in particolare la possibilità di avviare un'azione legale in un tribunale irlandese, nel caso di violazioni della loro privacy. Violazioni che sotto il nuovo Regolamento europeo possono prevedere multe salate, fino al 4 per cento del fatturato dell'azienda.

Ma dal prossimo mese i termini di servizio per questi utenti saranno modificati in modo da rientrare sotto la sede americana di Facebook, che segue le meno restrittive leggi statunitensi sulla privacy. Si spiega così il balletto di posizioni tenuto da Mark Zuckerberg nei giorni scorsi sulla estensione delle tutele del Gdpr a tutti gli utenti e le sue dichiarazioni sul fatto che il Gdpr sarebbe stato esteso "in spirito".

Fonte: Agenzia di Stampa AGI

Note Autore

Federprivacy Federprivacy

Federprivacy è la principale associazione di riferimento in Italia dei professionisti della privacy e della protezione dei dati personali, iscritta presso il Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della Legge 4/2013. Email: urp@federprivacy.org 

Prev Il "trucco" di Google per proteggere 20 miliardi di dollari dalle leggi sulla privacy
Next Nuovi guai per Facebook, il New York Times: “Dati degli utenti ceduti ai produttori di smartphone”

Ue, rischio multe per chi non si adegua a regolamento protezione dati

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
captcha 
Privacy e Termini di Utilizzo