NEWS

In partenza a settembre il Corso di formazione manageriale per DPO al CNR di Pisa. Voucher per i professionisti under 40

Partirà a settembre la terza edizione del corso per qualificarsi come data protection officer promosso da Federprivacy con il patrocinio del CNR di Pisa. Percorso di 124 ore full immersion con 25 docenti noti esperti della materia. Richiesta la conoscenza specialistica del Regolamento UE per ricoprire il ruolo. Bernardi: "Conoscenza accademica da sola non è sufficiente, il DPO deve possedere anche il know-how". Inizio lezioni il 17 settembre e attestato di competenza per i partecipanti che supereranno l'esame finale il 13 dicembre 2019

Pisa, 15 luglio 2019 - Dopo appena due edizioni si è subito affermato come uno trai pochi percorsi formativi che mantiene veramente la promessa di qualificare i partecipanti per svolgere il ruolo di "Responsabile della Protezione dei Dati", la nuova figura introdotta dal Regolamento UE 2016/679, e per questo Federprivacy e il CNR Area della Ricerca di Pisa hanno programmato anche per il 2019 il "Corso di formazione manageriale per Data Protection Officer".

Anche nella terza edizione, il già collaudato programma di 124 ore sarà sempre suddiviso in 6 moduli di tre giorni ciascuno, con 25 docenti trai più noti esperti di privacy e protezione dei dati personali che affronteranno sia le materie del diritto che quelle dell'informatica, con specifiche verticalizzazioni sulla governance aziendale, come richiede un profilo manageriale quale è quello del Data Protection Officer.

Il corso, si svolgerà ancora al CNR di Pisa con 18 giornate full immersion alternate tra lezioni frontali in aula teoriche ed operative, test online, simulazioni, esercitazioni intermedie, e anche un esame finale che i partecipanti dovranno sostenere per conseguire l'Attestato di Competenza rilasciato da Federprivacy come associazione iscritta presso il Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della Legge 4/2013, come spiega Nicola Bernardi, presidente di Federprivacy:

"Il Regolamento UE richiede che il DPO possieda un'adeguata conoscenza della normativa e delle prassi di gestione dei dati personali, ma non lo possiamo considerare un requisito esaustivo, perché la conoscenza accademica da sola non è sufficiente. Il professionista che ricopre questo ruolo deve infatti anche possedere il know-how necessario per applicare correttamente le nozioni acquisite nelle realtà aziendali - sottolinea Bernardi - A questo scopo, si rivela molto utile il taglio operativo di questo corso, e attraverso una serie di esercitazioni e verifiche che vengono svolte durante tutto il percorso siamo infine in grado di mettere nero su bianco il grado di competenze effettivamente acquisite dal partecipante."

Le iscrizioni per formare la classe a numero chiuso di massimo cinquanta partecipanti sono già aperte nell'Agenda Online di Federprivacy, e le lezioni partiranno il 17 settembre concludendosi il 13 dicembre 2019 con l'esame finale. Il corso è valido anche per il riconoscimento di n.20 crediti formativi per la formazione continua degli avvocati.

Per i giovani professionisti che non hanno compiuto 40 anni c'è l'opportunità di coprire i costi di questo speciale percorso attraverso i voucher messi a disposizione dalla Regione Toscana, attraverso il Programma operativo regionale del Fondo sociale europeo (POR FSE 2014/2020),  che finanzia corsi di aggiornamento professionale erogati da associazioni professionali come Federprivacy inserite nell'elenco di cui alla legge n. 4/2013 tenuto dal Ministero dello Sviluppo Economico. Per conoscere tutti i dettagli necessari a presentare correttamente la domanda e i documenti ad essa allegati, è possibile consultare la pagina dedicata della Regione Toscana.

Note sull'autore

Federprivacy Federprivacy

Federprivacy è la principale associazione di riferimento in Italia dei professionisti della privacy e della protezione dei dati personali, iscritta presso il Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della Legge 4/2013. Email: urp@federprivacy.it 

Prev Digital Book "Il Codice Privacy in Italia, come cambia dopo il Dlgs 101/2018"
Next Data Breach: come fare il registro delle violazioni

Federprivacy: ecco bollino qualità per siti che rispettano privacy utenti

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
captcha 
Privacy e Termini di Utilizzo