NEWS

Niente privacy per lo studente che sui social insulta e minaccia gli insegnanti

La privacy non blocca la pubblicazione di articoli di stampa su uno studente, identificato con nome e cognome, che sui social insulta e minaccia gli insegnanti. Così ha deciso il Garante della privacy (provvedimento n. 620/2023, di cui si è avuto notizia del dispositivo in questi giorni), che ha respinto il reclamo presentato da uno (all’epoca dei fatti) studente nei confronti di una testata giornalistica, incolpata di avere diffuso l’articolo a distanza di 5 anni dal fatto (ma subito dopo la sentenza che ha definito il procedimento penale aperto sullo stesso).

Il Garante ha respinto il ricorso di un ex studente: la vicenda ha interesse generale. Assolto il giornale che aveva pubblicato la storia

Fonte: Italia Oggi - di Antonio Ciccia Messina

Note Autore

FederPrivacy FederPrivacy

Federprivacy è la principale associazione di riferimento in Italia dei professionisti della privacy e della protezione dei dati personali, iscritta presso il Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della Legge 4/2013. Email: [email protected] 

Prev Telemarketing e teleselling, con il Codice di Condotta il Garante promuove lo strumento di self-regulation
Next I minori che hanno compiuto 14 anni potranno dare da soli il consenso al trattamento dei loro dati da parte dei robot

Privacy Day Forum 2024, il trailer della giornata

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
Ho letto l'Informativa Privacy