NEWS

Il genitore deve controllare il figlio che usa Whatsapp

I genitori sono chiamati a educare i loro figli a un corretto utilizzo dei mezzi tecnologici e a porre in essere una vigilanza attiva per evitare che usandoli danneggino se stessi o altri. Lo ha stabilito il Tribunale di Caltanissetta, nella sua sentenza dell’8 ottobre 2019. La vicenda - La pronuncia decide un procedimento nei confronti di un minorenne che, per futili e abbietti motivi, e in concorso con altri minori, attraverso condotte reiterate e utilizzando il sistema di messaggistica istantanea Whatsapp, molesta una coetanea, tanto da cagionare in lei un grave e duraturo stato di ansia e di paura, costringendola a cambiare le proprie abitudini

Note Autore

Federprivacy Federprivacy

Federprivacy è la principale associazione di riferimento in Italia dei professionisti della privacy e della protezione dei dati personali, iscritta presso il Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della Legge 4/2013. Email: urp@federprivacy.org 

Prev Call e lezioni online, anche la tutela della privacy va in quarantena
Next Legittima la chiusura di pagine Facebook che incitano all'odio

Rai Parlamento, Nicola Bernardi parla del GDPR

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
captcha 
Privacy e Termini di Utilizzo