NEWS

Corte di Giustizia UE: stop alla raccolta a tappeto di Dna e impronte digitali

Stop alla raccolta a tappeto di Dna e impronte digitali da parte della polizia. Lo si può fare quando è necessario e non si può fare altrimenti. È quanto ha deciso la Corte di Giustizia dell'Unione Europea con la sentenza del 26 gennaio 2023, resa nella causa C-205-21, nella quale si è occupata del rapporto tra privacy e procedimenti penali.

Stop alla raccolta a tappeto di Dna e impronte digitali

Note Autore

FederPrivacy FederPrivacy

Federprivacy è la principale associazione di riferimento in Italia dei professionisti della privacy e della protezione dei dati personali, iscritta presso il Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della Legge 4/2013. Email: [email protected] 

Prev Intercettazioni: il verbale di trascrizione non sottoscritto dall'interprete è pienamente utilizzabile
Next Body shaming: deridere chi non vede bene su Facebook è diffamazione

10 Consigli per prenotare online le vacanze senza brutte sorprese

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
Ho letto l'Informativa Privacy