NEWS

Una finta email su Immuni prende in ostaggio i pc e chiede un riscatto da 300 euro

Mentre “Immuni” fa il suo esordio sugli store di Apple e Google, una campagna di hacking che prova a sfruttare questo evento investe l’Italia. A renderlo noto è l’Agid-Cert, la struttura del governo che si occupa di cybersicurezza. Non si ha contezza, al momento, di quanti cittadini siano realmente coinvolti e a rischio. Ma la storia è abbastanza emblematica, e necessita di grande attenzione.

App di social distancing possono contenere ransomware che prendono in ostaggio i dati dell'utente

A scoprire il tutto è stato un ricercatore, che su Twitter porta il nome di ricercatore @JAMESWT_MHT. In sostanza, si tratta di una campagna di phishing – quindi attiva con le classiche mail-esca che puntano a ingannare chi le riceve – che prova a sfruttare l’esordio di Immuni, l’app per il contact tracing scelta dal governo italiano che proprio in queste ore è in fase di rilascio. All’interno della mail infetta, si prova a convincere l’utente a cliccare su un link che porta a un dominio creato ad arte per replicare i contenuti della Federazione Ordini Farmacisti Italiani (FOFI.it). In realtà basta un click per finire sul file eseguibile “Immuni.exe” che al suo interno contiene un malware chiamato FuckUnicorn.

È un virus di tipo ransomware – di quelli che bloccano i computer e chiedono un riscatto per sbloccarli – che una volta eseguito mostra una finta dashboard con i risultati della contaminazione da Covid-19. E mentre l’utente si trova davanti questa mappa, il malware provvede a cifrare i file presenti sul sistema Windows della vittima e a rinominarli assegnando l’estensione “.fuckunicornhtrhrtjrjy”. Alla fine dei giochi, sullo schermo compare il classico file di testo con le istruzioni per il riscatto, che ammonta a 300 euro in bitcoin per liberare i file cifrati, quindi il pc. Come nella maggior parte dei casi, quando c’è di mezzo un ransomware, pagare il riscatto è del tutto inutile. La transazione è protetta dall’anonimato tipico delle criptovalute. E mai nessun cybercriminale vi verrà in aiuto.

Fonte: Nòva Il Sole 24 Ore

Note Autore

Federprivacy Federprivacy

Federprivacy è la principale associazione di riferimento in Italia dei professionisti della privacy e della protezione dei dati personali, iscritta presso il Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della Legge 4/2013. Email: urp@federprivacy.org 

Prev I nonni social devono chiedere il consenso dei genitori prima di postare online le foto dei nipotini
Next Questionari per candidature di lavoro con domande indiscrete, si rischia violazione Gdpr

Federprivacy: ecco bollino qualità per siti che rispettano privacy utenti

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
captcha 
Privacy e Termini di Utilizzo