NEWS

Sempre più donne nella cybersecurity, ma l’Italia resta indietro

Secondo il Women in Cyber Security Report rilasciato nel 2022 da CyberSecurity Ventures, le donne occupano il 25% dei lavori nel campo della cybersicurezza a livello globale: una percentuale in crescita se consideriamo il 20% del 2019 e la previsione secondo cui le donne rappresenteranno il 30% globale della forza lavoro nella sicurezza informatica entro il 2025, percentuale che raggiungerà il 35 per cento entro il 2031.

La domanda, quindi, è forte, considerando che, sempre a livello globale, secondo i dati rilasciati dal Global Gender Gap Report 2020 questa figura è cresciuta del 350% dal 2013, quando si parla di richiesta del mercato.

In Italia, invece, solo il 10% della popolazione femminile lavora nella sicurezza informatica, nonostante la crescente domanda per questa figura professionale: secondo Ermes Cyber Security, eccellenza nel campo della cyber security che si impegna a implementare le donne nel suo organico, c'è un mismatch tra la domanda e la formazione femminile nelle professioni STEM.

In azienda abbiamo solo 7 donne su 38 persone, nonostante la nostra incessante ricerca di figure femminili, che però rappresentato solo il 10% delle candidate ogni qualvolta apriamo una nuova posizione a cui applicare.” - racconta Emanuela Panero Chief People Officer di Ermes. “Questo è davvero il momento in cui la cybersecurity sta diventando parte della struttura organica delle aziende, sempre di più consapevoli dei rischi economici e non a cui sono esposte ogni giorno. La richiesta di figure all’interno del settore è molto alta e sono richieste molte competenze ma entrare a far parte di questo mondo non è difficile grazie ai numerosi corsi e alle specializzazioni che si sono arricchiti e aggiunti nel corso degli anni. È importante che sempre più donne si avvicinino alle posizioni tecniche e scientifiche, per aiutare ancora di più a colmare questa esigenza di un mercato che, per molti anni, le ha fatte allontanare da ruoli che spettano a entrambi i generi.”

Note Autore

FederPrivacy FederPrivacy

Federprivacy è la principale associazione di riferimento in Italia dei professionisti della privacy e della protezione dei dati personali, iscritta presso il Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della Legge 4/2013. Email: [email protected] 

Prev Cartelle cliniche e documenti sanitari abbandonati nell'ex ospedale, il Garante della Privacy sanziona la ASL
Next Con il trojan low cost chiunque può violare la vostra privacy spiandovi attraverso lo smartphone

Cyber e Privacy Forum 2023, il trailer dell'evento

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
Ho letto l'Informativa Privacy