NEWS

Rinviato a giudizio carabiniere che rubava dati personali all’Arma e li rivendeva all’investigatore privato

A volte basta la deplorevole condotta di un singolo scellerato per macchiare l’onore e la reputazione degli oltre 100mila carabinieri che prestano fedelmente servizio nell’Arma dei Carabinieri.

carabiniere accusato di rubare e vendere dati personali

Secondo quanto riporta il Corriere della Sera, la Procura di Milano ha infatti chiesto il rinvio a giudizio di un carabiniere accusato di aver rubato e rivenduto dati delle forze dell’ordine.

Come appurato durante l’inchiesta, il vicebrigadiere incriminato avrebbe svolto 200 mila interrogazioni illecite nei database per almeno tre anni insieme a sua moglie, e di aver incassato da un investigatore privato almeno 134 mila euro, transitati su carte PostePay.

Come spiega il Corriere, il giro riguardava informazioni patrimoniali e c’era anche un tariffario: 250 euro per l’intestatario di due telefoni, 200 per individuare i telefoni associati a un codice fiscale, 350 euro per abbinare le residenze anagrafiche ai codici fiscali.

Secondo l’inchiesta del pm Alessandro Gobbis, i committenti dell’investigatore erano anche le finanziarie e le società di recupero crediti. La procura imputa i reati di corruzione e accesso abusivo a sistema informatico.

“Formaggio arrivato”, era l’espressione in codice per informare che i soldi erano stati versati a retribuire le informazioni. I suoi colleghi dell’Arma, incaricati dai magistrati di svolgere le indagini, non soltanto hanno documentato le prove incrociando i suoi accessi al computer d’ufficio con le localizzazioni dei tabulati del telefono, sequestrando i cellulari del vice brigadiere e ricostruendo i messaggi alquanto espliciti con i correi sulla piattaforma della chat criptata Signal, ma per incastrarlo hanno anche piazzato una telecamera proprio sul computer da lui usato in caserma per gli accessi abusivi.

Note Autore

FederPrivacy FederPrivacy

Federprivacy è la principale associazione di riferimento in Italia dei professionisti della privacy e della protezione dei dati personali, iscritta presso il Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della Legge 4/2013. Email: [email protected] 

Prev Google patteggia risarcimento da 5 miliardi per violazione della privacy nel tracciamento degli utenti che usavano la navigazione in incognito
Next La donna costretta a recarsi all’estero per praticare l’aborto terapeutico subisce una violazione della privacy e della vita familiare

25 maggio 2023: il Privacy Day Forum al CNR di Pisa nel giorno del 5° anniversario del GDPR

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
Ho letto l'Informativa Privacy