NEWS

App pubblicizzata per proteggere la privacy ma in realtà raccoglieva i dati degli utenti: Meta sanzionata per oltre 12 milioni di euro

Un tribunale australiano ha sanzionato Meta Platforms, società proprietaria di Facebook, per un totale di 20 milioni di dollari australiani (pari a circa 12,2 milioni di euro) per aver raccolto i dati personali degli utenti attraverso un'applicazione per smartphone pubblicizzata come una soluzione per proteggere la privacy, senza rivelare chiaramente le sue effettive finalità.

La multa conclude un filone delle questioni legali di Meta in Australia relative alla gestione delle informazioni degli utenti insorte a seguito dello scandalo globale sull'uso della società di analisi dei dati di Cambridge Analytica nelle elezioni statunitensi del 2016. Per quella vicenda, Meta deve ancora affrontare un'azione legale civile da parte dell'Australia's Office of the Information Commissioner per i suoi rapporti con Cambridge Analytica in Australia.

Come riferisce l'agenzia Reuters, la sanzione inflitta adesso a Meta riguarda un servizio di rete privata virtuale (VPN) che la società, prima denominata Facebook, aveva offerto dall'inizio del 2016 alla fine del 2017 con Onavo, app che veniva pubblicizzata come un tool per proteggere le informazioni personali.

Come spiega Wikipedia, negli scorsi anni i media specializzati nella cybersecurity avevano spesso "classificato Onavo come spyware perché sarebbe stata utilizzata da Facebook per monetizzare le abitudini di utilizzo all'interno di un ambiente incentrato sulla privacy, e perché l'elenco dell'app non conteneva un'importante divulgazione della proprietà di Facebook".

Anche se solitamente le VPN oscurano l'identità di un utente di Internet assegnando al suo computer un indirizzo online diverso, tuttavia secondo la sentenza emessa dal giudice Wendy Abraham, Facebook aveva utilizzato l’app di Onavo per raccogliere la posizione, l'ora e la frequenza degli utenti utilizzando altre app per smartphone e siti Web che avevano visitato per i propri scopi pubblicitari.

"La mancata divulgazione di informazioni sufficienti... potrebbe aver privato decine di migliaia di consumatori australiani dell'opportunità di fare una scelta informata sulla raccolta e l'utilizzo dei propri dati prima di scaricare e/o utilizzare Onavo Protect", ha scritto il giudice nella sentenza.

Il giudice Abraham ha inoltre aggiunto che il tribunale avrebbe potuto multare Meta per centinaia di miliardi di dollari poiché gli australiani hanno scaricato l'app 271.220 volte e ogni violazione del diritto dei consumatori comportava una multa di 1,1 milioni di dollari australiani, ma "le contravvenzioni possono essere caratterizzate come un unico corso di condotta". La multa è stata concordata da entrambe le parti ma "porta con sé un pungiglione sufficiente per garantire che l'importo della sanzione non sia tale da essere considerato ... semplicemente un costo accettabile per fare affari".

La Corte Federale australiana ha anche ordinato a Meta, attraverso le sue sussidiarie Facebook Israel Onavo, di pagare 400.000 dollari di spese legali all'Australian Competition and Consumer Commission (ACCC), che ha avviato la causa civile.

Meta, che lo scorso anno ha generato un fatturato globale di 116 miliardi di dollari, da parte sua sostiene di non aver mai cercato di fuorviare i clienti e "negli ultimi anni abbiamo creato strumenti per offrire alle persone maggiore trasparenza e controllo su come i loro dati sono usato".

In una dichiarazione, il presidente dell' Australian Competition & Consumer Commission, Gina Cass-Gottlieb, ha affermato che i consumatori australiani dovrebbero essere in grado di fare una scelta informata su ciò che accade ai loro dati sulla base di informazioni chiare.

Note Autore

FederPrivacy FederPrivacy

Federprivacy è la principale associazione di riferimento in Italia dei professionisti della privacy e della protezione dei dati personali, iscritta presso il Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della Legge 4/2013. Email: [email protected] 

Prev Nominativo di un paziente leggibile sul manifesto del pronto soccorso di Arezzo, la ASL toscana scivola sulla privacy
Next Ryanair accusata di violare la privacy degli utenti tramite il riconoscimento facciale per aumentare i propri profitti

Privacy Day Forum 2024, il trailer della giornata

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
Ho letto l'Informativa Privacy