NEWS

Protezione dei dati sempre più complessa con l’AI Act, ma l’Intelligenza Artificiale può essere un prezioso alleato dei DPO

Con Artificial Intelligence Act e nuovi regolamenti dell’UE è sempre più complessa la galassia della protezione dei dati. Bernardi “Impensabile che possa bastare qualche corso di formazione sul GDPR per fare il DPO”. Secondo il Censis il 58,7% degli avvocati percepisce l’Intelligenza Artificiale come un’opportunità, e grazie a soluzioni innovative l’AI può essere un prezioso alleato per i Data Protection Officer. Martina Domenicali: “Con l’AI superpoteri al professionista legale per permettergli di completare tali lavori in pochi secondi”. Lexroom al Privacy Day Forum il 7 giugno ad Arezzo.

Lexroom: Con l’AI superpoteri al professionista legale per permettergli di completare tali lavori in pochi secondi

Arezzo, 27 maggio 2024 - Ora che il Consiglio dell'Unione Europea ha approvato definitivamente l’Artificial Intelligence Act, migliaia di aziende che intendono avvalersi dei sistemi di intelligenza artificiale per rimanere competitive nella società digitale devono rimboccarsi le maniche, sia per modernizzarsi sotto il profilo tecnologico, sia per non rischiare di incappare in pesanti sanzioni, che potranno arrivare fino a 35 milioni di euro o al 7% del fatturato annuo dei trasgressori.

Data Protection Officer e giuristi esperti in materia di protezione dei dati sono quindi chiamati ad affrontare nuove sfide per riuscire ad aiutare le imprese a districarsi nel sempre più complicato e articolato sistema normativo, in cui l’Artificial Intelligence Act (AI Act) non è che l’ultimo dei vari regolamenti dell’Unione Europea, che di recente ha sfornato altri importanti atti normativi come il Digital Services Act (DSA), il Digital Markets Act (DMA) e il Data Governance Act (DGA).

Se la formazione e l’aggiornamento professionale hanno sempre avuto un ruolo fondamentale per gli addetti ai lavori, adesso le cose si complicano ulteriormente, come spiega Nicola Bernardi, presidente di Federprivacy: “Se fino a quale anno fa i professionisti potevano ritenere sufficiente partecipare a qualche corso di formazione per acquisire una conoscenza specialistica del Regolamento europeo sulla privacy con l’obiettivo di ricoprire il ruolo di Data Protection Officer, ora è impensabile che nell’era dell’intelligenza artificiale a un DPO possa bastare conoscere solo il GDPR senza essere preparato su tutti gli altri regolamenti che gli ruotano attorno nella galassia della protezione dei dati”.

(Nella foto: Martina Domenicali, CSO & Co-Founder Lexroom, sarà speaker al Privacy Day Forum)

Se dall’ultimo rapporto del Censis realizzato per la Cassa Forense è emerso che il 23,7% percepisce l’Intelligenza Artificiale come una minaccia perché spingerebbe le persone a sostituire la prestazione di un avvocato affidandosi ai risultati di una chatbot, d’altra parte l'intelligenza artificiale è percepita dal 58,7% degli avvocati come un’opportunità, ed è proprio dall’AI che arriva un importante aiuto per farsi trovare pronti di fronte alle nuove sfide della protezione dei dati, come spiega Martina Domenicali, CSO & Co-Founder Lexroom, che con queste nuove tecnologie ha realizzato una soluzione innovativa in ambito Privacy e Data Protection:

“L’Intelligenza Artificiale può completare diversi task per DPO e professionisti legali, rendendo il loro lavoro molto efficiente e permettendo loro di completare ore di ricerca giuridica e redazione di pareri in pochi minuti. Ciò avviene grazie a un software che permette di porre quesiti giuridici in linguaggio semplice e naturale che risponde generando una bozza di parere o una risposta pragmatica, supportate dal quadro delle fonti rilevanti in materia che sono state utilizzate per elaborarla. In paragone alle tradizionali ricerche che richiedono ore di studio per il professionista, Lexroom porta invece i superpoteri al professionista legale per permettergli di completare tali lavori in pochi secondi”.

E Martina Domenicali interverrà quest’anno al Privacy Day Forum organizzato da Federprivacy il 7 giugno ad Arezzo proprio per spiegare e dimostrare come l’Intelligenza Artificiale può essere un prezioso alleato di DPO e avvocati per affrontare con successo le nuove sfide della protezione dei dati.

La partecipazione all'evento è gratuita per tutti gli utenti registrati previa prenotazione dall'Agenda Online di Federprivacy, ed è valida anche ai fini della formazione continua con 8 crediti per i Privacy Officer, Consulenti Privacy e Data Protection Officer certificati TÜV Italia, 6 crediti per i Consulenti del Lavoro, 4 crediti per gli Avvocati, e 7 crediti per i Commercialisti.

Note Autore

FederPrivacy FederPrivacy

Federprivacy è la principale associazione di riferimento in Italia dei professionisti della privacy e della protezione dei dati personali, iscritta presso il Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della Legge 4/2013. Email: [email protected] 

Prev Trattamenti di dati sensibili e intrattenimento per adulti: quando la privacy diventa un «hot topic»
Next Riconoscimento facciale negli aeroporti: le persone dovrebbero avere il massimo controllo sui loro dati biometrici

Arezzo TV, lo speciale dedicato al Privacy Day Forum 2024

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
Ho letto l'Informativa Privacy