NEWS

OCSE: adottato accordo intergovernativo sulla salvaguardia della privacy nell’accesso ai dati personali per finalità di sicurezza nazionale

Il 14 dicembre 2022 i paesi membri dell'OCSE (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico) hanno adottato il primo accordo intergovernativo sugli approcci comuni alla salvaguardia della privacy e di altri diritti e libertà umani nell'accesso ai dati personali per finalità di sicurezza nazionale e di applicazione della legge.

La sede dell'OCSE

La dichiarazione presentata dall'OCSE sull'accesso del governo ai dati personali detenuti da entità del settore privato cerca di migliorare la fiducia nei flussi di dati transfrontalieri, che sono fondamentali per la trasformazione digitale dell'economia globale, chiarendo in che modo le forze dell'ordine e i servizi di sicurezza nazionale possono accedere ai dati personali nell'ambito dei quadri giuridici esistenti.

La dichiarazione, aperta anche all'adesione di altri paesi, segna un importante impegno politico da parte dei 38 paesi dell’OCSE e dell'Unione Europea che hanno aderito durante la riunione ministeriale dell'economia digitale dell'OCSE del 2022.

“Essere in grado di trasferire dati oltre confine è fondamentale in questa era digitale per tutto, dall'uso dei social media al commercio internazionale e alla cooperazione su questioni sanitarie globali " - ha affermato il segretario generale dell'OCSE Mathias Cormann presentando l’accordo – “Tuttavia, senza principi e garanzie comuni, la condivisione dei dati personali tra giurisdizioni solleva problemi di privacy, in particolare in aree sensibili come la sicurezza nazionale. L'accordo storico di oggi riconosce formalmente che i paesi dell'OCSE sostengono standard e salvaguardie comuni, e contribuirà a consentire flussi di dati tra le democrazie dello stato di diritto, con le salvaguardie necessarie per la fiducia degli individui nell'economia digitale e la fiducia reciproca tra i governi per quanto riguarda i dati personali dei loro cittadini".

il segretario generale dell'OCSE Mathias Cormann

(Nella foto: Mathias Cormann, segretario generale dell'OCSE)

L’accordo siglato dall’OCSE rifiuta qualsiasi approccio all'accesso del governo ai dati personali incompatibile con i valori democratici e lo stato di diritto.

Il progetto è scaturito dalla crescente preoccupazione che l'assenza di principi comuni nei settori sensibili delle forze dell'ordine e della sicurezza nazionale potesse portare a restrizioni indebite sui flussi di dati. Un altro fattore motivante è il desiderio di aumentare la fiducia tra i sistemi democratici dello stato di diritto che, sebbene non identici, condividono significativi punti in comune.

Il suddetto accodo integra le Linee guida dell'OCSE sulla privacy, uno dei risultati di punta dell'OCSE che risale al 1980, aggiornate l’ultima volta nel 2013, che rappresentano la base delle norme sulla privacy di molti paesi, le quali forniscono un punto di riferimento comune per la protezione dei dati personali e mirano a facilitare i flussi di dati transfrontalieri sostenendo nel contempo i valori democratici, lo Stato di diritto e la protezione della privacy e di altri diritti e libertà.

Note Autore

Federprivacy Federprivacy

Federprivacy è la principale associazione di riferimento in Italia dei professionisti della privacy e della protezione dei dati personali, iscritta presso il Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della Legge 4/2013. Email: urp@federprivacy.org 

Prev Data Protection Officer: servono più competenze e meno bollini
Next EDPB su decisioni vincolanti su Facebook e Instagram: ‘importante impatto sull'uso dei dati personali per la pubblicità comportamentale'

Caffè Privacy: i diritti dell'interessato

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
Ho letto l'Informativa Privacy