NEWS

Piano delle attività ispettive del Garante Privacy: sotto la lente marketing, identità digitale, cookie e altri strumenti di tracciamento

Con recente deliberazione (Registro dei provvedimenti n. 23 del 26 gennaio 2023) il Garante Privacy dispone di continuare la propria attività ispettiva per il periodo gennaio-giugno 2023.

Il garante per la protezione dei dati personali ha pubblicato il piano delle attività ispettive per il primo semestre 2023

Si ricorda, infatti, che con Regolamento 1/2000, l’Autorità Garante ha disciplinato la propria organizzazione e il proprio funzionamento. Tra le altre cose, citando l’articolo 2, comma 1, lett. c) di detto Regolamento, l’Autorità Garante definisce per se stessa gli obiettivi e i programmi da realizzare e ne indica le priorità. Per farlo, come indicato dall’articolo 4 del Regolamento 1/2019, con cadenza almeno semestrale, determina la programmazione delle attività ispettive.

Con il provvedimento n. 452 del 27 dicembre 2021 (attività del primo semestre del 2022) si disponevano ispezioni nei confronti di fornitori di database, sulla corretta gestione dei cookie, sulla videosorveglianza, su siti di incontri, data monetization e smart toys e su algoritmi e intelligenza artificiale in ambito pubblico e privato.

Con il successivo provvedimento, il n. 277 del 21 luglio 2022, per il successivo semestre, il Garante si focalizzava sui gestori delle identità digitali, su cookie e strumenti di tracciamento e sul trasferimento di dati all’estero sulla base degli analytics di Google.

Con il provvedimento in commento, che spiega la propria efficacia temporale a tutto il primo semestre del 2023 [doc. web. 9862660], l’attività ispettiva, che potrà essere svolta anche per mezzo della Guardia di finanza, continua la precedente in merito a:

1) verifiche sui gestori dell’identità digitale e sui fornitori di servizi che utilizzano SPID e CIE (anche ad uso professionale o per minori) nell’ambito di servizi online offerti anche mediante APP da parte delle pubbliche amministrazioni;
2) verifiche in ordine alla corretta implementazione delle Linee guida sui cookie e gli altri strumenti di tracciamento anche attraverso lo strumento degli accertamenti online;
3) prosecuzione delle verifiche in materia di trattamento di dati personali attraverso attività di telemarketing e tessere di fidelizzazione.

Restano fermi gli ulteriori accertamenti nei confronti di soggetti pubblici e privati sull’osservanza delle di-sposizioni di legge. Rileva che le ispezioni sul secondo ambito (cookie) sono ora concentrate sull’implementazione delle recenti Linee Guida sui cookie, il “Report of the work undertaken by the Cookie Banner Taskforce” del 17 gennaio 2023.

Note Autore

Domenico Battaglia Domenico Battaglia

Avvocato del foro di Bolzano, socio membro Federprivacy e Delegato per la provincia di Bolzano. Membro dei gruppi di lavoro per la tutela della privacy nella gestione del personale, cybersecurity e studi professionali di Federprivacy. Docente a contratto presso l'Università di Padova. Data Protection Officer del Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Bolzano. - Email: [email protected]

Prev Il Garante della Privacy approva il codice di condotta sul telemarketing
Next I suggerimenti del Garante della Privacy per proteggersi dal Vishing

Privacy Day Forum 2023: i momenti salienti

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
Ho letto l'Informativa Privacy