NEWS

Garante Privacy: ok alle bodycam per le operazioni critiche della polizia

La polizia potrà utilizzare le telecamere indossabili in caso di operazioni critiche con conservazione dei dati allungata a sei mesi. Ma con la massima costante attenzione al corretto trattamento dei dati personali ed in particolare al perimetro della sicurezza informatica e senza fare mai ricorso al riconoscimento facciale. Lo ha chiarito il Garante per la protezione dei dati personali con il provvedimento n. 290 del 22 luglio 2021.

Dal Garante privacy l'ok alle bodycam della polizia

L'impiego delle bodycam da parte degli operatori di polizia è sempre più frequente grazie al potente effetto dissuasivo rappresentato dal fattore visibilità della telecamera sulla divisa. Ma anche grazie ad una tecnologia sempre più performante. La corretta regolazione di questi sistemi richiede però una adeguata perimetrazione dei rischi privacy. Spetta infatti sempre al titolare del trattamento adottare tutte le necessarie misure tecniche ed organizzative a tutela del corretto trattamento dei dati personali.

Nel caso sottoposto all'attenzione dell'Autorità il ministero dell'interno ha richiesto un parere sulla preventiva valutazione di impatto e sul disciplinare operativo redatto dalla polizia di stato per l'attivazione del proprio sistema di 700 bodycam da assegnare ai reparti mobili che curano l'ordine pubblico.

Il Garante ha espresso parere favorevole ai sensi dell'art. 24 del dlgs 51/2018 evidenziando una serie importante di raccomandazioni. In particolare l'autorità ha evidenziato una serie di criticità operative che potrebbero interferire con la sicurezza complessiva del trattamento dei dati personali specificando che il sistema non potrà essere utilizzato per il riconoscimento facciale e la tracciabilità di tutte le operazioni dovrà essere sempre assicurata ritenendo anche congruo un termine massimo di conservazione delle immagini di 6 mesi. Attenzione però alle copie dei filmati.

Il Garante raccomanda al Viminale di non generare copie tra il centro e la periferia ma di organizzare in qualche modo l'accesso sicuro ai filmati senza duplicazioni.

Fonte: Italia Oggi del 18 agosto 2021

Note Autore

Federprivacy Federprivacy

Federprivacy è la principale associazione di riferimento in Italia dei professionisti della privacy e della protezione dei dati personali, iscritta presso il Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della Legge 4/2013. Email: urp@federprivacy.org 

Prev Violata la privacy dei lavoratori, il Garante sanziona Deliveroo Italy per 2,5 milioni di euro
Next Caso Pegasus, scende in campo il Garante per la Privacy

Basta un consenso e Google Maps vi pedina ovunque andate

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
Ho letto l'Informativa Privacy