NEWS

L'intestatario del profilo social che non denuncia il furto di identità non può attribuire ad ignoti i post diffamatori

La Cassazione ribadisce che in caso non sia stato denunciato alcun furto d'identità digitale alla polizia postale la persona cui appartiene il profilo sui social è indiziato di avere la paternità dei post che vi appaiono. Compresi quelli di contenuto diffamatorio.

La Cassazione conferma la natura di indizio della "paternità dei contenuti" l'assenza di una reazione formale contro l'abuso

Note Autore

Federprivacy Federprivacy

Federprivacy è la principale associazione di riferimento in Italia dei professionisti della privacy e della protezione dei dati personali, iscritta presso il Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della Legge 4/2013. Email: urp@federprivacy.org 

Prev La disinstallazione del rilevatore delle presenze dei lavoratori tramite impronte digitali prima che arrivi il Nucleo Speciale Privacy non evita la sanzione
Next MonitoraPa: le mosse utili in attesa delle decisioni di Tar e Garante Privacy

Seminario 'Le nuove sfide della privacy in ambito di lavoro nell’era digitale'

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
Ho letto l'Informativa Privacy