NEWS

È legale registrare con audio e/o video una conversazione nella dimora privata del soggetto registrato?

Con le moderne tecnologie, quella di registrare o video-riprendere conversazioni o immagini all’insaputa dell’interlocutore è una prassi sempre più diffusa, favorita da cellulari, smartphone ed altri dispositivi simili che permettono di registrare senza dare nell’occhio. Tale condotta può essere considerata lecita o illecita, sotto il profilo civile o penale, a seconda del contesto in cui ci si trova. Nell’ambito dei rapporti di lavoro, ad esempio, la Cassazione ha di recente affermato che la registrazione fonografica di un colloquio tra presenti, se operata da persona che ne sia partecipe, costituisce prova documentale ammissibile sia nel processo civile che in quello penale, quando lo scopo della registrazione è quello della tutela giudiziaria dei diritti del lavoratore (Cassazione, sezione Lavoro,

Note Autore

Federprivacy Federprivacy

Federprivacy è la principale associazione di riferimento in Italia dei professionisti della privacy e della protezione dei dati personali, iscritta presso il Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della Legge 4/2013. Email: urp@federprivacy.org 

Prev Antiriciclaggio, anche con il GDPR per il trattamento dei dati non è necessario il consenso
Next Cassazione, giro di vite su newsletter pubblicitarie non richieste

Basta un consenso e Google Maps vi pedina ovunque andate

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
Ho letto l'informativa privacy