NEWS

Diritto all’oblio esercitabile senza azioni legali: basta la richiesta dell'interessato

Una persona che si ritiene vittima di informazioni inesatte può chiederne la rimozione dal web anche se non ha mai avviato un’azione legale contro chi le ha pubblicate. Unica avvertenza: deve fornire una ragionevole spiegazione sulle info contestate al motore di ricerca, che dovrà prenderne atto senza – a sua volta – mettere a confronto le due versioni. La Cgue - sentenza nella causa C-460/20/Google – torna ancora una volta sul diritto all’oblio per ridimensionare lo strapotere dell’eterno presente online, e per ribilanciare il diritto d’informazione rispetto a quello della reputazione e dell’immagine.

Diritto all’oblio senza azioni legali: basta la parola del titolare del diritto

Note Autore

Federprivacy Federprivacy

Federprivacy è la principale associazione di riferimento in Italia dei professionisti della privacy e della protezione dei dati personali, iscritta presso il Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della Legge 4/2013. Email: urp@federprivacy.org 

Prev L'affissione nella bacheca condominiale sul debito del singolo condomino è un'indebita diffusione di dati personali
Next Consiglio UE: vietati i sistemi di intelligenza artificiale che creano la cittadinanza a punti

Caffè Privacy: il principio di minimizzazione

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
Ho letto l'Informativa Privacy