NEWS

Ransomware, l'Università della California paga riscatto da oltre un milione di dollari

A seguito di un attacco ransomware, l'Università della California ha pagato agli hacker un riscatto di 1,14 milioni di dollari per recuperare i dati dell’ateneo che erano stati presi in ostaggio dai cybercriminali a inizio giugno.

La sede della University of California


Come riporta Bloomberg, utilizzando il noto malware Netwalker gli hacker avevano infatti crittografato i dati sui server all'interno della facoltà di medicina. Anche se l’Università con sede a San Francisco (Usa) era impegnata in importanti test sul Coronavirus, l'attacco non ha fortunatamente impedito ai loro ricercatori di proseguire il lavoro, anche se poi la decisione finale è stata quella di pagare il riscatto, come rende noto lo stesso ateneo in una nota stampa:


"I dati che erano stati crittografati sono importanti per alcune delle attività accademiche che stiamo perseguendo come università al servizio del bene pubblico in relazione alla lotta al Covid-19. Abbiamo quindi preso la difficile decisione di pagare una parte del riscatto".

Attualmente, un team di esperti informatici sta lavorando per ripristinare al più presto i server che erano stati oggetto dell’attacco hacker.

L'intrusione era stata rilevata il 1° giugno, e anche se l’Università ha affermato che gli artefici dell’attacco informatico sono stati arrestati, gli hacker sono comunque riusciti a negoziare, e hanno infine convinto l’università a pagare il riscatto.

A fronte del pagamento, l'università ha dichiarato di aver ricevuto una chiave di decrittazione per ripristinare l'accesso ai file e le copie dei documenti trafugati. L'università ha però rifiutato di dire cosa contenessero file per valere più di 1 milione di dollari, precisando comunque di non ritenere che le cartelle cliniche dei pazienti non rientrassero trai dati presi in ostaggio dal ransomware.

Note Autore

Federprivacy Federprivacy

Federprivacy è la principale associazione di riferimento in Italia dei professionisti della privacy e della protezione dei dati personali, iscritta presso il Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della Legge 4/2013. Email: urp@federprivacy.org 

Prev Cybersecurity, attacchi cresciuti del 91,5% nel settore dei servizi on line e del cloud
Next Google perde il ricorso sulla sanzione del garante francese e ora dovrà pagare 50 milioni di euro

Federprivacy: ecco bollino qualità per siti che rispettano privacy utenti

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
captcha 
Privacy e Termini di Utilizzo