NEWS

Data Act: la rivoluzione della portabilità di tutti i dati

Il 23 febbraio la Commissione Europea ha presentato il Data Act, la proposta di un regolamento europeo che consenta a cittadini ed imprese di esercitare maggior controllo su tutti quei dati, personali e non, che generiamo ogni giorno. Si tratta di un altro tassello nella strategia digitale europea presentata da Bruxelles nel 2020.

Commissione Europea

Le proposte ancora in discussione che andranno a delineare le regole della data economy dei prossimi anni sono il Digital Services Act, sulla responsabilità delle piattaforme; il Digital Markets Act, per regolare la competizione con le Big Tech; il Data Governance Act, per facilitare lo scambio di dati tra pubblico e privato; l’AI Act sull’intelligenza artificiale e il Chips Act per promuovere la produzione interna di semiconduttori.

Può sembrare un regolamento minore ma in realtà il Data Act introduce diverse novità rilevanti, una su tutte è l’estensione del diritto alla portabilità dei dati, introdotto per i soli dati personali con il regolamento generale sulla protezione dei dati, il cd. GDPR, a qualsiasi dato generato dall’uso di macchine e device.

Per semplificare, come la vera competizione tra compagnie telefoniche è iniziata quando è stata introdotto il diritto alla portabilità del proprio numero di cellulare, consentendo di passare liberamente all’operatore con le offerte migliori, lo stesso effetto auspicato è quello che si avrà quando l’utente vorrà cambiare assistente vocale o cloud provider. Con il Data Act sarà sufficiente chiedere all’azienda X di trasferire i dati, personali e non, all’azienda Y che offre un analogo servizio.

Rocco Panetta

(Nella foto: Rocco Panetta, Country Leader IAPP per l'Italia)

E non si parla dei soli dati caricati su un sistema ma anche di quelli generati dall’uso. Nel caso di un assistente virtuale potrebbero essere le preferenze che l’assistente ha imparato a catalogare e che, potendosi trasferire tout court, ci risparmierebbero il tempo di doverla istruire da zero.

Fonte: Il Sole 24 Ore del 3 marzo 2022 - di Rocco Panetta e Vincenzo Tiani

Note Autore

Rocco Panetta Rocco Panetta

Avvocato esperto di privacy, internet e diritto delle nuove tecnologie, Country Leader Italy e membro del Board of Directors della International Association of Privacy Professionals (IAPP), managing partner dello Studio Legale Panetta & Associati, data protection officer

Prev E' possibile investire nell'intelligenza artificiale e proteggere i dati dei cittadini?
Next Tra agenda e desideri a 25 anni dall'insediamento del Garante della Privacy

Il Gdpr per far decollare economia digitale

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
Ho letto l'Informativa Privacy