NEWS

Regno Unito: mezzo milione di chiamate per telemarketing illecito, l’autorità inglese interviene e sanziona cinque società

Nel Regno Unito, cinque società sono state condannate al pagamento di sanzioni del valore complessivo di 435.000 sterline dall’Autorità garante per la privacy (Information Commissioner’s Office, ICO) per aver effettuato quasi mezzo milione di chiamate a persone registrate presso il Telephone Preference Service (TPS) – corrispondente del Registro delle opposizioni italiano –. Secondo la legge britannica, è infatti vietato chiamare per finalità di marketing chiunque sia registrato presso il TPS, a meno che questi non fornisca un’espressa e specifica autorizzazione in tal senso.

In particolare le chiamate avevano lo scopo di convincere i destinatari (tra cui tante persone anziane e vulnerabili) a sottoscrivere contratti di assicurazione sugli elettrodomestici (es. lavatrice, utensili da cucina, caldaie ecc.). Dalle indagini dell’ICO, è emerso che, in alcuni casi, le compagnie si rivolgevano deliberatamente a un gruppo demografico specifico: proprietari di case, over 60, con un telefono fisso. È stato, inoltre, dimostrato che alcune delle società hanno usato evidenti tattiche di pressione al fine di ottenere i dati di pagamento dalle persone.

Secondo quanto riportato dall’ICO, infatti, nei reclami ricevuti veniva lamentato che alcuni operatori delle società sanzionate avessero peraltro atteggiamenti insistenti ed invadenti nel corso delle chiamate illegittime. Ad esempio, ad una signora ultraottantenne veniva detto che occorreva rinnovare l’assicurazione della caldaia – circostanza, tra l’altro, non vera – e, con l’occasione, l’operatore continuava a domandare dati superflui come l’età anagrafica della signora, dove e come facesse la spesa, le modalità di pagamento e perfino i dettagli della carta di credito. Proprio quest’ultima domanda, in più di un caso, ha suscitato allarme nei destinatari delle chiamate, specialmente tra i più anziani, i quali hanno attivato le procedure di reclamo.

L’ICO ha recentemente rilasciato una guida aggiornata sul marketing diretto con l’intenzione di sostenere le imprese decise a conformarsi alla legge. Tuttavia, così come dichiarato anche dal capo del dipartimento Investigations, l’Autorità ribadisce la sua volontà di indagare e di prendere provvedimenti severi laddove vengano riscontrate palesi inosservanze della legge che possano danneggiare le persone. Così come in questo caso, in cui in tanti (specialmente anziani soli) si sono sentiti in dovere di consegnare i propri dati bancari semplicemente per avere qualcuno con cui parlare al telefono.

Fonte: www.guidoscorza.it

Note Autore

Federprivacy Federprivacy

Federprivacy è la principale associazione di riferimento in Italia dei professionisti della privacy e della protezione dei dati personali, iscritta presso il Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della Legge 4/2013. Email: urp@federprivacy.org 

Prev Usa: lo scandalo di Cambridge Analytica costa a Facebook 725 milioni di dollari

Caffè Privacy: l'interessato

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
Ho letto l'Informativa Privacy