NEWS

Hacker cinesi violano i server della rete di computer del Vaticano

Un gruppo di hacker collegati al governo cinese si sarebbe infiltrato nella rete di computer del Vaticano, tra cui quello della Hong Kong Study Mission, considerato come la rappresentanza di fatto della Santa Sede nell’ex colonia britannica. La denuncia arriva da una società di cyber-sicurezza statunitense, Recorded Future, che fa risalire a maggio scorso l’inizio delle intromissioni informatiche da parte di un gruppo di hacker, denominato RedDelta, che si ritiene sia collegato a Pechino.

I server di Città del vaticano presi di mira dagli hacker


Secondo il rapporto dell’azienda Usa, tra gli obiettivi dell’hackeraggio ci sono anche le comunicazioni tra la diocesi di Hong Kong e la stessa Hong Kong Study Mission. Altro bersaglio sarebbe il Pontificio Istituto Missioni Estere (Pime) e le modalità e gli strumenti utilizzati per condurre gli attacchi sarebbero simili a quelli utilizzati per altre operazioni di pirateria informatica condotte in passato da gruppi di hacker ritenuti collegati al governo cinese.

Obiettivo degli attacchi sarebbe quello di ottenere “informazioni utili sulle posizioni negoziali” del Vaticano in vista del rinnovo, entro settembre prossimo, dell’accordo preliminare raggiunto tra Pechino e la Santa Sede nel settembre 2018 sulla nomina dei vescovi. L’intrusione nei network della diocesi di Hong Kong e della Hong Kong Study Mission, prosegue il rapporto, “fornirebbe anche una valida fonte di intelligence sia per monitorare le relazioni della diocesi con il Vaticano, sia per la sua posizione rispetto al movimento pro-democrazia di Hong Kong”, dopo le proteste dei mesi e l’imposizione recente di Pechino della legge sulla sicurezza nazionale nella città.

Fonte: Agi

Note Autore

Federprivacy Federprivacy

Federprivacy è la principale associazione di riferimento in Italia dei professionisti della privacy e della protezione dei dati personali, iscritta presso il Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della Legge 4/2013. Email: urp@federprivacy.org 

Prev Egitto: nuova legge sulla privacy che si ispira al Gdpr, ma per le violazioni più gravi c'è il carcere

Basta un consenso e Google Maps vi pedina ovunque andate

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
captcha 
Ho letto l'informativa sulla privacy