NEWS

Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami
  • Pagina:
  • 1

ARGOMENTO:

Videosorveglianza & non profit 2 Settimane 22 Ore fa #1039

  • Antonio Ciccia Messina
  • Avatar di Antonio Ciccia Messina
  • Offline
  • Messaggi: 48
In relazione al primo quesito (se i volontari siano da considerarsi lavoratori ai fini della legge 300/1970) si riporta che, ai sensi dell’articolo 17, comma 5, del d. lgs. 117/2017, sussiste l’incompatibilità della qualità di volontario con qualsiasi forma di rapporto di lavoro subordinato, circostanza questa da cui si può desumere una differente disciplina normativa delle due figure.
A conferma di ciò, deve considerarsi, inoltre, che le disposizioni di cui alla legge 300/1970 sono a carico di un datore di lavoro, parte di un contratto di lavoro intrattenuto con un soggetto, che presta la sua attività e che si sottopone alle prerogative organizzative e di controllo del primo.
Peraltro, laddove, vi fosse potenziale controllo anche su personale dispendente, eventualmente presente, devono attivarsi le procedure di cui all’articolo 4 della legge 300/1970.
Il secondo quesito concerne la base giuridica del trattamento delle immagini.
A tale proposito si ritiene vigente, anche alla luce delle LInee Guida EDPB n. 3/2019, con gli opportuni adeguamenti, l’impostazione di cui al paragrafo 6.2 del provvedimento generale sulla videosorveglianza del Garante della privacy dell’ 8 aprile 2010.
Pertanto, salvo l’ipotesi, piuttosto difficile, della possibilità di individuare in maniera esatta tutti coloro la cui immagine sia oggetto di ripresa, con la effettiva possibilità di raccoglierne il consenso informato, nel caso di impiego di strumenti di videosorveglianza, la possibilità di acquisire il consenso risulta in concreto limitata dalle caratteristiche stesse dei sistemi di rilevazione: conseguentemente si rende necessario individuare un´idonea alternativa nell´ambito dei requisiti equipollenti del consenso. Il Garante specifica, quindi, che costituisce un legittimo interesse del titolare la raccolta di mezzi di prova o il perseguimento di fini di tutela di persone e beni rispetto a possibili aggressioni, furti, rapine, danneggiamenti, atti di vandalismo, o finalità di prevenzione di incendi o di sicurezza degli ambienti.
Peraltro, poiché il presupposto del ricorso al legittimo interesse è la ricorrenza di concrete situazioni che giustificano l´installazione delle telecamere, a protezione delle persone, della proprietà o del patrimonio, il titolare del trattamento deve procedere a un rigoroso bilanciamento degli interessi, redigendo un apposito atto di documentazione delle scelte. In tale atto occorrerà rendere conto dell’osservanza del principio di finalità nonché delle precauzioni adottate in osservanza dei principi di necessità, correttezza, minimizzazione, proporzione e conservazione limitata nel tempo. Tutte le opzioni menzionate nel quesito (orari, luoghi e modalità di ripresa, ecc.) devono, quindi, essere attentamente vagliate. Si rammenta, infine, che, a fronte delle circostanze di fatto indicate nel quesito, sarà necessaria altresì una DPIA (art. 35).

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Videosorveglianza & non profit 2 Settimane 6 giorni fa #1037

  • Enzo Castronuovo
  • Avatar di Enzo Castronuovo Autore della discussione
  • Offline
  • Messaggi: 35
Nella sede di una associazione non profit in cui prestano servizio dei volontari, il consiglio direttivo vorrebbe installare un sistema di videosorveglianza per tutelare il proprio patrimonio ed evitare anche furti ed atti vandalici. Dato si tratta di uffici aperti al pubblico, le telecamere funzionarebbero h 24/24 e riprenderebbero anche minorenni, persone che richiedono informazioni sulle attività dell'associazione, e occasionalmente anche gli stessi volontari. Oltre a pormi il problema della liceità del trattamento, e quali misure di sicurezza occorra adottare, la domanda che mi sorge e a cui non so dare prontamente risposta è se i volontari ripresi siano configurabili come "lavoratori" ai fini della Legge 300/1970, e se perciò sia necessario o meno fare un'istanza alla DTL per installare le telecamere che talvolta li riprenderebbero mentre transitano nei corridoi, nella hall, e anche all'ingresso dell'edificio.

Se i volontari non fossero lavoratori, occorrebbe ottenere il consenso da ciascuno di essi per poterli utilizzare negli spazi in cui sono funzionanti le telecamere?

Ho cercato nelle varie fonti disponibili su Internet, ma non ho trovato risposta.

C'è qualcuno che ha già affrontato una questione analoga?

Enzo

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Ultima Modifica: da Enzo Castronuovo.
  • Pagina:
  • 1
Tempo creazione pagina: 0.250 secondi

Nicola Bernardi, presidente di Federprivacy, intervistati a Kudos su Rai 4

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
Ho letto l'informativa privacy