NEWS

Parità di retribuzioni tra uomini e donne: informazioni sugli stipendi conoscibili solo da sindacati, ispettorati del lavoro e organismi di parità

Privacy ai minimi termini per le informazioni sugli stipendi. Potranno essere conoscibili, con i nomi in chiaro, dai sindacati, dagli ispettorati del lavoro e dagli organismi di parità. È quanto prevede la direttiva 2023/970, da recepire entro il 7/6/2026, intitolata alla parità di retribuzioni tra uomini e donne. Anche se l'articolo 12 della direttiva, nel primo paragrafo, richiama il regolamento Ue sulla privacy n. 2016/679 (Gdpr), che limita la possibilità di comunicare i dati personali, poi, nel terzo paragrafo, consente agli stati Ue di introdurre norme ad hoc sulla conoscibilità delle buste paga, anche in chiaro. Ma passiamo a illustrare la questione.

Busta paga trasparente, privacy ai minimi

Fonte: Italia Oggi - di Antonio Ciccia Messina

Note Autore

Federprivacy Federprivacy

Federprivacy è la principale associazione di riferimento in Italia dei professionisti della privacy e della protezione dei dati personali, iscritta presso il Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della Legge 4/2013. Email: urp@federprivacy.org 

Prev Scuole: le responsabilità da delegare al Dpo per evitare sanzioni del Garante per la Privacy
Next Ora l'ufficiale giudiziario può frugare nei dati dei contribuenti per trovare i beni da pignorare

25 maggio 2023: il Privacy Day Forum al CNR di Pisa nel giorno del 5° anniversario del GDPR

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
Ho letto l'Informativa Privacy