NEWS

La Corte UE chiarisce condizioni e calcolo delle sanzioni amministrative per violazioni del GDPR

Solo una violazione dolosa o colposa del regolamento generale sulla protezione dei dati può condurre all’irrogazione di una sanzione amministrativa pecuniaria. Questa l’affermazione della Corte Ue contenuta nelle sentenze C-683/21 e C-807/21 dove i giudici precisano anche che quando il destinatario della sanzione pecuniaria sia parte di un gruppo di società la sanzione va calcolata sulla base del fatturato del gruppo.

Regolamento sulla protezione dei dati, chiariti condizioni e calcolo delle sanzioni amministrative

Fonte: Il Sole 24 Ore - di Paola Rossi

Note Autore

FederPrivacy FederPrivacy

Federprivacy è la principale associazione di riferimento in Italia dei professionisti della privacy e della protezione dei dati personali, iscritta presso il Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della Legge 4/2013. Email: [email protected] 

Prev Sulle chat private valgono le regole deontologiche: scattano le sanzioni per i docenti che offendono la scuola
Next Basta commissionare una app per diventare titolari del trattamento anche senza aver mai visto un dato

Privacy Day Forum 2023: il trailer della giornata

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
Ho letto l'Informativa Privacy