NEWS

Diritto all'oblio: il tempo per essere dimenticati dalla rete non è uguale per tutti

Il tempo per essere dimenticati dalla Rete non è uguale per tutti. A pesare sul diritto all’oblio di chi è coinvolto in un procedimento penale o è sottoposto a indagini, una serie di variabili che vanno dalla gravità del fatto alla notorietà del soggetto coinvolto. Maggiore è l’interesse pubblico della notizia, più dilatato sarà il tempo necessario per ottenerne la deindicizzazione.

Gravità del reato, notorietà, interesse: diritto all’oblio con tempi variabili

Fonte: Il Sole 24 Ore - di Marisa Maraffino

Note Autore

FederPrivacy FederPrivacy

Federprivacy è la principale associazione di riferimento in Italia dei professionisti della privacy e della protezione dei dati personali, iscritta presso il Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della Legge 4/2013. Email: [email protected] 

Prev Varato il regolamento sul trattamento dei dati personali da parte dei Centri per la giustizia riparativa
Next I sistemi integralmente automatizzati mantengono gli obblighi del Decreto Trasparenza

Privacy Day Forum 2024: intervista a Guido Scorza

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
Ho letto l'Informativa Privacy